Home arrow LAVORO arrow In flash arrow In caso di licenziamento per giusta causa il giudice puo' in...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

IN CASO DI LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA IL GIUDICE PUO' INDIVIDUARE SOLO IN ALCUNI DEGLI ADDEBITI IL COMPORTAMENTO CHE GIUSTIFICA LA SANZIONE ESPULSIVA - Deve escludersi la valutazione atomistica (Cassazione Sezione Lavoro n. 14564 del 12 giugno 2017, Pres. Macioce, Rel. Torrice).

M.M. dipendente della Cassa di Risparmio di Lucca con le mansioni di responsabile della filiale di Prati Grignano, è stato licenziato il 6 luglio 2011 con l'addebito di avere acceso, senza autorizzazione, n. 27 rapporti di credito. Egli ha impugnato il licenziamento davanti al Tribunale di Prato sostenendo di non avere danneggiato l'azienda. Il Tribunale ha rigettato il ricorso in quanto ha ritenuto che il lavoratore fosse pienamente informato della disciplina aziendale. Questa decisione è stata confermata dalla Corte d'Appello di Firenze. Il lavoratore ha proposto ricorso per cassazione censurando la sentenza della Corte d'Appello in particolare per avere isolato alcuni fatti nel coacervo di una contestazione dal contenuto molto più ampio e per averne esaminato solo una parte. La Suprema Corte ha affermato che in tema di licenziamento per giusta causa, quando vengano contestati al dipendente diversi episodi rilevanti sul piano disciplinare, pur dovendosi escludere che il giudice di merito possa esaminarli atomisticamente, attesa la necessaria considerazione della loro concatenazione ai fini della valutazione della gravità dei fatti, non occorre che l'esistenza della "causa" idonea a non consentire la prosecuzione del rapporto sia ravvisabile esclusivamente nel complesso dei fatti ascritti, ben potendo il giudice - nell'ambito degli addebiti posti a fondamento del licenziamento dal datore di lavoro - individuare anche solo in alcuni o in uno di essi il comportamento che giustifica la sanzione espulsiva, se lo stesso presenti il carattere di gravità richiesto dall'art. 2119 c.c..


Visite: 435 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca