Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Il requisito occupazionale ai fini dell'art. 18 L. n. 300/70...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

IL REQUISITO OCCUPAZIONALE AI FINI DELL'ART. 18 L. N. 300/70 DEVE COMPRENDERE LE SEDI SECONDARIE - Centro operativo (Cassazione Sezione Lavoro n. 19557 del 30 settembre 2016, Pres. Bronzini, Rel. Manna).

Se la società costituita all'estero ha in Italia una o più sedi secondarie, è solo riguardo ad esse che bisogna calcolare il requisito occupazionale (del totale dei dipendenti) di cui all'art. 18 co, 8° legge n. 300/70. Invero, la nozione di sede o stabilimento secondario non può prescindere dalla giurisprudenza comunitaria, secondo cui si intende per sede secondaria "un centro operativo che si manifesti in modo duraturo verso l'esterno come un'estensione della casa-madre, provvisto di direzione e materialmente attrezzato in modo da poter trattare affari con terzi, di guisa che questi, pur sapendo che l'eventuale rapporto giuridico si stabilirà con la casa-madre la cui sede trovasi all'estero, sono dispensati dal rivolgersi direttamente a questa, e possono concludere affari nel centro operativo che ne costituisce l'estensione".


Visite: 940 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca