Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Diritto di critica del lavoratore nei confronti del datore d...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

DIRITTO DI CRITICA DEL LAVORATORE NEI CONFRONTI DEL DATORE DI LAVORO - Nel rispetto della verità (Cassazione Sezione Lavoro n. 21649 del 26 ottobre 2016, Pres. Nobile, Rel. Patti).

Per insegnamento consolidato della Suprema Corte, è noto che, in tema di esercizio del diritto di critica da parte del lavoratore nei confronti del datore di lavoro, sia necessario che il prestatore (anche nel caso in cui il suo comportamento si traduca in una denuncia in sede penale, la cui legittimazione si fonda sugli articoli 24, primo comma e 21, primo comma, della Costituzione) si sia limitato a difendere la propria posizione soggettiva, senza travalicare, con dolo o colpa grave, la soglia del rispetto della verità oggettiva con modalità e termini tali da non ledere gratuitamente il decoro del datore di lavoro o del proprio superiore gerarchico e determinare un pregiudizio per l'impresa.


Visite: 1097 | Preferiti (1)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca