Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Anche un contratto collettivo aziendale puo' introdurre nuov...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

ANCHE UN CONTRATTO COLLETTIVO AZIENDALE PUO' INTRODURRE NUOVE IPOTESI DI ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO - In base all'art. 23 L. n. 56/87 (Cassazione Sezione Lavoro n. 19776 del 4 ottobre 2016, Pres. Venuti, Rel. Manna).

L'art. 23 legge n. 56/87 - che demanda alla contrattazione collettiva la possibilità di individuare nuove ipotesi, ulteriori rispetto a quelle legali, di apposizione di un termine alla durata del rapporto di lavoro - richiede che i contratti collettivi (non qualificati quanto al loro livello) siano "stipulati con i sindacati nazionali o locali aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale"; dunque, non richiede che il contratto collettivo debba essere nazionale, né compie alcuna selezione con riferimento alla parte datoriale, che - pertanto - può essere anche una singola azienda. Ne consegue che anche un contratto aziendale, purché stipulato con un'organizzazione sindacale che presenti i suddetti requisiti di rappresentatività sul piano nazionale, può legittimamente individuare nuove ipotesi di apposizione del termine. Ulteriore corollario è che, come questa Corte ha già statuito (cfr. Cass. n. 27/2014), con orientamento cui va data continuità, le clausole degli accordi collettivi aziendali del 5.4.97 e del '8.5.2000 per i dipendenti RAI, stipulate ai sensi dell'abrogato art. 23 legge 28 n. 56/87, che prevedono ipotesi di apposizione del termine ulteriori rispetto a quelle legali, rientrano nel regime transitorio previsto dall'art. 11 d.lgs. n. 368/01 e quindi mantengono, al pari dei contratti individuali definiti in attuazione della normativa previgente, la propria efficacia fino alla data di scadenza dei contratti collettivi. Il contratto collettivo di lavoro del 2000 aveva come data di scadenza il 31.12.03 per la parte normativa (mentre l'ultimo contratto a termine fra le odierne parti è anteriore a tale data), di guisa che ha conservato vigore sino a tale epoca in forza del co. 2° dell'art. 11 cit. d.lgs. n. 368/01.


Visite: 772 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca