Home arrow LAVORO arrow In flash arrow Il giudice non puo' essere vincolato nella qualificazione de...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

IL GIUDICE NON PUO' ESSERE VINCOLATO NELLA QUALIFICAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO - Come autonomo o subordinato (Cassazione Sezione Lavoro n. 215 dell'8 gennaio 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Bandini).

Ove l'Azienda Autonoma delle Ferrovie dello Stato abbia fatto ricorso alle convenzioni di cui all'art. 26 legge 30 dicembre 1959 n. 1236 per l'espletamento dei servizi (cosiddetti di accudienza o comunque di "minima importanza") previsti dal medesimo art. 26, il giudice - richiesto dell'accertamento del carattere subordinato del rapporto - deve verificare le concrete modalità di svolgimento dell'attività lavorativa dell'incaricato, per poi raffrontarle con quelle che caratterizzano la nozione legale di subordinazione. Dall'art. 26 non può farsi discendere una vincolante qualificazione del rapporto come di lavoro autonomo, dato che questa interpretazione sarebbe contrastante con i principi costituzionali (cfr. Corte Costituzionale nn. 121/1993 e 115/1994).


Visite: 5577 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca