Home arrow LAVORO arrow Fatto e diritto arrow La Corte di Roma conferma che l'esclusione dalle assunzioni ...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, Fatto e diritto Stampa E-mail

LA CORTE DI ROMA CONFERMA CHE L'ESCLUSIONE DALLE ASSUNZIONI ATTUATA A POMIGLIANO IN DANNO DEGLI ISCRITTI ALLA FIOM HA AVUTO NATURA DISCRIMINATORIA - Rimozione degli effetti (Corte d'Appello di Roma, Sezione Lavoro, 19 ottobre 2012, Pres. Torrice, Rel. Orrù).

L'ordinanza del Tribunale di Roma pronunciata il 21 giugno 2012 con la quale è stato accolto il ricorso promosso da FIOM-CGIL Nazionale contro Fabbrica Italia Pomigliano S.p.A. è stata confermata dalla Corte d'Appello di Roma (Pres. Torrice, Rel. Orrù) con pronuncia in data 19.10.2012, che reca il seguente dispositivo:

"Pronunciando sugli appelli riuniti, sull'appello incidentale e sull'atto di intervento: dichiara la natura di discriminazione collettiva dell'esclusione dalle assunzioni dei lavoratori dello stabilimento di Pomigliano iscritti alla FIOM; ordina a Fabbrica Italia Pomigliano Spa di cessare dal comportamento discriminatorio e di rimuoverne gli effetti; ordina a Fabbrica Italia Pomigliano Spa di predisporre ed attuare nel termine di 180 giorni dalla comunicazione della presente ordinanza un piano di assunzione di 126 lavoratori da selezionare - secondo i criteri già utilizzati per l'assunzione dei lavoratori presso lo stabilimento di Pomigliano - nell'ambito dell'elenco nominativo degli affiliati Fiom risultante al momento di presentazione del ricorso di primo grado, che dovrà essere fornito dall'associazione sindacale entro il termine di 30 giorni dalla data di comunicazione della presente ordinanza, elenco aggiornato in relazione alle eventuali disdette intervenute medio tempore; dichiara la natura di discriminazione individuale dell'esclusione dalle assunzioni presso lo stabilimento di Pomigliano di Birotti Stefano, Canonico Vincenzo, Ciccarelli Pasquale, D'Alessio Ciro, Dell'Isola Vincenzo, Di Costanzo Mario, Di Luca Antonio, D'Onofrio Sebastiano, Fiorillo Alessandro, Maione Antonio, Manganiello Francesco, Manzo Raffaele Maria, Mellone Giovanni, Niglio Aniello, Petillo  Aniello; Pulcrano Angelo, Rea Maurizio, Ruggiero Francesco e Sangiovanni Michele; ordina a Fabbrica Italia Pomigliano Spa di cessare dal comportamento discriminatorio; ordina a Fabbrica Italia Pomigliano Spa di assumere nel termine di 40 giorni dalla comunicazione della presente ordinanza i lavoratori sopra nominati; condanna l'appellante alla rifusione delle spese di lite nei confronti della parte appellata e appellante incidentale che liquida in complessivi € 7.000,00.  Rigetta le domande proposte con l'atto di intervento con compensazione integrale delle spese di lite nei confronti di tutte le parti. Sia dia avviso alle parti costituite".

Pubblichiamo il testo integrale del provvedimento.

icon Fiom Corte Roma


Visite: 7784 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca