Home arrow Giudici, avvocati e processi arrow La censura in cassazione per vizio di motivazione sull'utili...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Giudici avvocati e processi Stampa E-mail

LA CENSURA IN CASSAZIONE PER VIZIO DI MOTIVAZIONE SULL'UTILIZZO O MENO DEL RAGIONAMENTO PRESUNTIVO DEVE FARE EMERGERE L'ASSOLUTA ILLOGICITA' E CONTRADDITTORIETA' DEL RAGIONAMENTO DECISORIO - Nel rispetto del principio di autosufficienza del ricorso (Cassazione Sezione Lavoro n. 10431 del 22 giugno 2012, Pres. Vidiri, Rel. Napoletano).

Qualora una determinata questione giuridica - che implichi un accertamento di fatto - non risulti trattata in alcun modo nella sentenza impugnata, il ricorrente che proponga la suddetta questione in sede di legittimità, al fine di evitare una statuizione di inammissibilità, per novità della censura, ha l'onere non solo di allegare l'avvenuta deduzione della questione dinanzi al giudice di merito, ma anche, per il principio di autosufficienza del ricorso per Cassazione, di indicare in quale atto del giudizio precedente lo abbia fatto, onde dar modo alla Corte di controllare "ex actis" la veridicità di tale asserzione, prima di esaminare nel merito la questione stessa (Cass. 2 aprile 2004 n. 6542). Del resto, è principio consolidato nella giurisprudenza di questa Corte quello secondo il quale spetta al giudice di merito valutare l'opportunità di fare ricorso alle presunzioni semplici, individuare i fatti da porre a fondamento del relativo processo logico e valutarne la rispondenza ai requisiti di legge, con apprezzamento di fatto che, ove adeguatamente motivato, sfugge al sindacato di legittimità, dovendosi tuttavia rilevare che la censura per vizio di motivazione in ordine all'utilizzo o meno del ragionamento presuntivo non può limitarsi ad affermare un convincimento diverso da quello espresso dal giudice di merito, ma deve fare emergere l'assoluta illogicità e contraddittorietà del ragionamento decisorio, restando peraltro escluso che la sola mancata valutazione di un elemento indiziario possa dare luogo al vizio di omesso esame di un punto decisivo.


Visite: 7440 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca