Home arrow LAVORO arrow In flash arrow L'indennita' di rischio radiologico non spetta ai medici che...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

L'INDENNITA' DI RISCHIO RADIOLOGICO NON SPETTA AI MEDICI CHE FREQUENTANO LA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE - In quanto non sono dipendenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 14850 del 6 luglio 2011, Pres. Lamorgese, Rel. Balestrieri).

La vigente normativa di legge non consente di riconoscere l'indennità di rischio radiologico e il diritto al congedo straordinario ai medici specializzandi, con borsa di studio, che, senza essere dipendenti di una struttura sanitaria, operino, per conseguire la specializzazione in radiologia, in zona controllata. Se è vero che la formazione del medico specialista implica la partecipazione del medesimo alla totalità delle attività mediche del servizio di cui fanno parte le strutture nelle quali si effettua, è altresì indubitabile che tutte le disposizioni normative che regolano il rapporto intercorrente fra il servizio sanitario e lo specializzando puntualizzano che l'ammissione e la frequenza alle scuole di specializzazione non comportano la costituzione di alcun rapporto d'impiego (cfr art. 4 del D.Lgs. 257/1991 e ora art. 40 del D.Lgs. 368/99). Né va trascurato che l'attività richiesta al medico specializzando comprende non soltanto quello che potrebbe definirsi tirocinio presso le strutture del servizio sanitario nazionale ma anche la frequenza di corsi teorici di perfezionamento, al termine dei quali devono essere sostenuti alcuni esami per il passaggio all'anno successivo, che comportano notevole dispendio di tempo e certamente non si svolgono in ambienti aventi caratteristiche tali da comportare il rischio di esposizione a radiazioni ionizzanti. Tutti ciò chiarito, deve ritenersi che non si possa in alcun modo assimilare la posizione di coloro i quali in ragione dei propri obblighi professionali sono costantemente (ovvero saltuariamente ovvero casualmente) impegnati in zone in cui vi sia pericolo di esposizione a radiazioni ionizzanti alla posizione di coloro i quali, invece, nello svolgimento del tirocinio pratico possono in qualche misura essere chiamati a prestare la propria attività in ambienti di tal genere.


Visite: 5044 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca