Home arrow Attualitą, opinioni e commenti arrow Depositata la sentenza della Corte Costituzionale che ha dic...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Attualitą, opinioni e commenti Stampa E-mail

DEPOSITATA LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE CHE HA DICHIARATO L'ILLEGITTIMITA' DELLA NORMA LIMITATRICE DEI DIRITTI DEI PRECARI - Introdotta con la legge n. 133 del 6 agosto 2008 (Corte Costituzionale n. 214 del 14 luglio 2009, Pres. Amirante, Red. Mazzella).

Roma, 15 luglio 2009 - Ieri sera è stata depositata la sentenza della Corte Costituzionale n. 214 in data 8-14 luglio 2009, (Presidente Amirante, Red. Mazzella) che ha deciso sulle questioni di legittimità costituzionale relative alle modifiche della normativa sui contratti di lavoro a termine introdotte con la legge n. 133 del 2008. La sentenza reca il seguente dispositivo:

       "1) dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art. 4-bis del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368 (Attuazione della direttiva 1999/70/CE relativa all'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato concluso dall'UNICE, dal CEEP e dal CES), introdotto dall'art. 21, comma 1-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 (Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria), convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;

         2) dichiara inammissibili le questioni di legittimità costituzionale del medesimo art. 4-bis del d.lgs. n. 368 del 2001, sollevate, in riferimento agli artt. 3, 10, 11, 24, 111, 117, primo comma, della Costituzione, dalle Corti di appello di Torino, Bari, Caltanissetta, Venezia e L'Aquila e dai Tribunali di Milano e Teramo con le ordinanze indicate in epigrafe;

        3) dichiara non fondate le questioni di legittimità costituzionale degli artt. 1, comma 1, e 11 del d.lgs. n. 368 del 2001, sollevate, in riferimento agli artt. 76, 77 e 117, primo comma, della Costituzione, dal Tribunale di Roma con l'ordinanza n. 413 del 2008 e dal Tribunale di Trani con l'ordinanza indicata in epigrafe;

       4) dichiara non fondata la questione di legittimità costituzionale dell'art. 2, comma 1-bis, del d.lgs. n. 368 del 2001, sollevata, in riferimento agli artt. 3, primo comma, 101, 102 e 104 della Costituzione, dal Tribunale di Roma con l'ordinanza n. 217 del 2008."

Nella motivazione della sentenza la Corte ha ricordato che l'art. 4 bis del decreto legislativo n. 368/2001 dispone che: "Con riferimento ai soli giudizi in corso alla data di entrata in vigore della presente disposizione, e fatte salve le sentenze passate in giudicato, in caso di violazione delle disposizioni di cui agli articoli 1, 2 e 4, il datore di lavoro è tenuto unicamente ad indennizzare il prestatore di lavoro con un'indennità di importo compreso tra un minimo di 2,5 ed un massimo di sei mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto, avuto riguardo ai criteri indicati nell'articolo 8 della legge 15 luglio 1966, n. 604 (Norme sui licenziamenti individuali), e successive modificazioni".

Con riferimento alla pronuncia di illegittimità costituzionale dell'art. 4-bis, la Corte ha rilevato che i giudici rimettenti, partendo dalla premessa che, secondo il "diritto vivente", in caso di violazione delle prescrizioni contenute nell'art. 1 del d.lgs. n. 368 del 2001, può essere disposta la conversione del contratto in rapporto di lavoro a tempo indeterminato e riconosciuta al lavoratore una tutela risarcitoria piena, affermano, tra l'altro, che l'art. 4-bis del d.lgs. n. 368 del 2001 è in contrasto, tra l'altro, con l'art. 3 della Costituzione, poiché è fonte di irragionevole disparità di trattamento, collegata al solo dato temporale del momento di proposizione del ricorso giudiziale, tra lavoratori che si trovano nella identica situazione di fatto.

Tale questione - ha affermato la Corte - deve ritenersi fondata in quanto situazioni di fatto identiche (contratti di lavoro a tempo determinato stipulati nello stesso periodo, per la stessa durata, per le medesime ragioni ed affetti dai medesimi vizi) risultano destinatarie di discipline sostanziali diverse (da un lato, secondo il diritto vivente, conversione del rapporto in rapporto a tempo indeterminato e risarcimento del danno; dall'altro, erogazione di una modesta indennità economica), per la mera e del tutto casuale circostanza della pendenza di un giudizio alla data (anch'essa sganciata da qualsiasi ragione giustificatrice) del 22 agosto 2008 (giorno di entrata in vigore dell'art. 4-bis del d.lgs. n. 368 del 2001, introdotto dall'art. 21, comma 1-bis, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112).

Siffatta discriminazione - ha affermato la Corte - è priva di ragionevolezza, né è collegata alla necessità di accompagnare il passaggio da un certo regime normativo ad un altro; infatti l'intervento del legislatore non ha toccato la disciplina relativa alle condizioni per l'apposizione del termine o per la proroga dei contratti a tempo determinato, ma ha semplicemente mutato le conseguenze della violazione delle previgenti regole limitatamente ad un gruppo di fattispecie selezionate in base alla circostanza, del tutto accidentale, della pendenza di una lite giudiziaria tra le parti del rapporto di lavoro.

La Corte ha pertanto dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 4-bis del d.lgs. n. 368 del 2001, per contrasto con l'art. 3 Cost., con assorbimento delle questioni sollevate in riferimento ad altri parametri costituzionali.

La Corte ha invece ritenuto non fondata, con sentenza interpretativa di rigetto, la questione di legittimità costituzionale degli articoli 1, comma 1 e 11 del decreto legislativo n. 368 del 2001 sollevata da alcuni giudici, sul rilievo che tale norma avrebbe peggiorato la precedente disciplina (in contrasto con la normativa dell'Unione Europea) consentendo le assunzioni a termine, per esigenze sostitutive, senza l'indicazione del nome del lavoratore sostituito e della causa della sua sostituzione (precisazioni invece richieste dalla disciplina previgente recata dalla legge n. 230/62).

I rimettenti - ha osservato la Corte - omettono di considerare adeguatamente che l'art. 1 del d.lgs. n. 368 del 2001, dopo aver stabilito, al comma 1, che l'apposizione del termine al contratto di lavoro è consentita a fronte di ragioni di carattere (oltre che tecnico, produttivo e organizzativo, anche) sostitutivo, aggiunge, al comma 2, che "L'apposizione del termine è priva di effetto se non risulta, direttamente o indirettamente, da atto scritto nel quale sono specificate le ragioni di cui al comma 1".

L'onere di specificazione previsto da quest'ultima disposizione - ha affermato la Corte - impone che, tutte le volte in cui l'assunzione a tempo determinato avvenga per soddisfare ragioni di carattere sostitutivo, risulti per iscritto anche il nome del lavoratore sostituito e la causa della sua sostituzione. Infatti, considerato che per "ragioni sostitutive" si debbono intendere motivi connessi con l'esigenza di sostituire uno o più lavoratori, la specificazione di tali motivi implica necessariamente anche l'indicazione del lavoratore o dei lavoratori da sostituire e delle cause della loro sostituzione; solamente in questa maniera, infatti, l'onere che l'art. 1, comma 2, del d.lgs. n. 368 del 2001 impone alle parti che intendano stipulare un contratto di lavoro subordinato a tempo determinato può realizzare la propria finalità, che è quella di assicurare la trasparenza e la veridicità della causa dell'apposizione del termine e l'immodificabilità della stessa nel corso del rapporto.

La Corte infine ha ritenuto non fondata la questione di legittimità (sollevata da alcuni giudici con riferimento all'art. 3 della Costituzione) relativa all'art. 2, comma 1-bis del decreto legislativo n. 368 del 2001. In virtù di tale disposizione è consentita l'apposizione di un termine alla durata del contratto di lavoro subordinato quando l'assunzione sia effettuata da imprese concessionarie di servizi nei settori delle poste per un periodo massimo complessivo di sei mesi, compresi tra aprile ed ottobre di ogni anno, e di quattro mesi per periodi diversamente distribuiti e nella percentuale non superiore al 15 per cento dell'organico aziendale, riferito al 1° gennaio dell'anno cui le assunzioni si riferiscono.

La Corte ha escluso la ravvisabilità di una lesione dell'art. 3 della Costituzione, in quanto la norma censurata costituisce la tipizzazione legislativa di un'ipotesi di valida apposizione del termine; il legislatore, in base ad una valutazione - operata una volta per tutte in via generale e astratta - delle esigenze delle imprese concessionarie di servizi postali di disporre di una quota (15 per cento) di organico flessibile, ha previsto che tali imprese possano appunto stipulare contratti di lavoro a tempo determinato senza necessità della puntuale indicazione, volta per volta, delle ragioni giustificatrici del termine.

Tale valutazione preventiva ed astratta operata dal legislatore - ha affermato la Corte - non è manifestamente irragionevole; infatti, la garanzia alle imprese in questione, nei limiti indicati, di una sicura flessibilità dell'organico, è direttamente funzionale all'onere gravante su tali imprese di assicurare lo svolgimento dei servizi relativi alla raccolta, allo smistamento, al trasporto ed alla distribuzione degli invii postali, nonché la realizzazione e l'esercizio della rete postale pubblica i quali «costituiscono attività di preminente interesse generale», ai sensi dell'art. 1, comma 1, del decreto legislativo 22 luglio 1999, n. 261 (Attuazione della direttiva 1997/67/CE concernente regole comuni per lo sviluppo del mercato interno dei servizi postali comunitari e per il miglioramento della qualità del servizio); in particolare, poi, in esecuzione degli obblighi di fonte comunitaria derivanti dalla direttiva 1997/67/CE, l'Italia deve assicurare lo svolgimento del c.d. "servizio universale".

Non è, dunque, manifestamente irragionevole - ha affermato la Corte - che ad imprese tenute per legge all'adempimento di simili oneri sia riconosciuta una certa flessibilità nel ricorso (entro limiti quantitativi comunque fissati inderogabilmente dal legislatore) allo strumento del contratto a tempo determinato; peraltro l'art. 2, comma 1-bis, del d.lgs. n. 368 del 2001 impone alle aziende di comunicare ai sindacati le richieste di assunzioni a termine, prevedendo così un meccanismo di trasparenza che agevola il controllo circa l'effettiva osservanza, da parte datoriale, dei limiti posti dalla norma.


Visite: 6896 | Commenti (1) | Preferiti (10)


I commenti degli utenti:  

Scritto da: rosario santella il 16-07-2009 20:49

Scritto da: rosario santella il 16-07-2009 20:49

La Corte Costituzionale ha scritto un'altra pagina di diritto degna della pił alta tradizione giuridica del nostro paese, scevra da condizionamenti politici e compromessi "di cassa", a presidio dei diritti dei lavoratori come indicato nella nostra Legge Fondamentale. La Luce della Giustizia illumina ancora la nostra strada, per fortuna.

 

» Segnala questo commento alla redazione

» Rispondi a questo commento

Visualizzati 1 di 1 commenti



Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti registrati possono commentare un'articolo.
 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca