Home arrow Attualitą, opinioni e commenti arrow La nuova Sezione Lavoro della Corte d'Appello di Roma alle p...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Attualitą, opinioni e commenti Stampa E-mail

LA NUOVA SEZIONE LAVORO DELLA CORTE D'APPELLO DI ROMA ALLE PRESE CON UN MASSICCIO ARRETRATO, DETERMINATO DALL'INADEGUATEZZA DELL'ORGANICO - Diecimila le cause pendenti.

L'attività della nuova Sezione Lavoro della Corte d'Appello di Roma, dopo circa 20 mesi di funzionamento, è alle prese con un massiccio arretrato, che si sta inesorabilmente formando a causa dell'inadeguatezza dell'organico. Le cause pendenti sono attualmente diecimila, con tendenza all'aumento anche per lo sviluppo della controversie nel settore del pubblico impiego. L'organico effettivo è di sette consiglieri e due presidenti. I tempi si allungano e il nuovo art. 111 della nostra Costituzione resta lettera morta. Tutto ciò è frutto di una serie di improvvide decisioni del Ministero della Giustizia e del Consiglio Superiore della Magistratura. Il quadro emerge dai dati riportati in un articolo del magistrato Giovanni Cannella, intitolato "L'appello lavoro a Roma: illogicità manifesta", che si può leggere nel sito internet  http://www.omissis.too.it/

Visite: 9321 | Nessun commento | Preferiti (0)




Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti registrati possono commentare un'articolo.

Nessun commento inserito per questo articolo

 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca