Home arrow Attualitą, opinioni e commenti arrow L'art. 18 dello statuto dei lavoratori garantisce la libertą...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Attualitą, opinioni e commenti Stampa E-mail

L'ART. 18 DELLO STATUTO DEI LAVORATORI GARANTISCE LA LIBERTA' DELL'INFORMAZIONE - Un appello dell'Associazione "Articolo 21 liberi di".

Giuseppe Giulietti, Federico Orlando, Paolo Serventi Longhi ed altri rappresentanti dell'Associazione "Articolo 21 liberi di", hanno incontrato il Segretario della Cgil Sergio Cofferati per informarlo della decisione di partecipare alla manifestazione del 23 marzo 2002, in difesa dello Statuto dei Lavoratori, che garantisce anche la libertà di manifestazione del pensiero.

L'Associazione ha aperto alla firma un appello del seguente tenore: "Lo Statuto dei Lavoratori è stato voluto dal Parlamento italiano per difendere, come si legge nel titolo stesso della legge, le libertà e la dignità nei luoghi di lavoro, prima fra tutte (art. 1) la libertà di manifestare il pensiero.

Nelle redazioni dei giornali e delle emittenti radio, televisive, nei new media e su internet, nei centri di produzione cinematografica e televisiva, nelle aziende tipografiche ed editoriali, la tutela dei diritti dei lavoratori ha valore doppio, perché garantisce a tutti i cittadini un'informazione corretta, prodotta da persone che sono protette da norme forti contro le intimidazioni e gli abusi.

Il lavoro intellettuale - multimediale, audiovisuale, giornalistico - vale e deve essere anzitutto al servizio del pubblico, in tutte le sue opinioni e diversità.

La difesa e l'estensione dello Statuto dei Lavoratori coincidono con quelle dell'art. 21 della Costituzione. I diritti sono solidali: vogliamo difenderli tutti, al Nord e al Sud, per occupati e non occupati, i figli ed i padri, il lavoro, la salute, lo studio e la formazione, la giustizia, la comunicazione, la qualità della vita, le nuove professionalità.

Partecipare alla manifestazione del 23 marzo significa, quindi, difendere tutte le libertà: civili, politiche, sindacali.

Roma, 14 marzo 2002".

Tra le prime adesioni quelle di: Federico Orlando, Sergio Lepri, Giuseppe Giulietti, Nicola Acocella, Roberta Agostini, Don Vinicio Albanesi, Bruno Ambrosi, Maria Pia Ammirati, Gennaro Andreozzi, Alfredo Angeli, Ermanno Anselmi, Fiancarlo Aresta, Luca Buccellato, Antonio Bargone, Luana Benini, Maurizio Blasi, Tiziana Boari, Patrizia Bovi, Elda Brogi,  Giuseppe Caldarola, Andrea Camporese, Andrea Canevaro,  Luciano Canfora, Romano Cannas, Claudio Cappuccino, Mario Carassai, Alessandro Cardulli, Maria Carpi, Marina Cocozza, Nino Carrus, Nadia Ciancarini, Stefano Cimicchi, Cecilia Cominassi, Alfio Cortonesi, Marina Cosi, Enzo Costa, Roberto Costa, Salvatore Dagata, Domenico d'Amati, Nicoletta d'Amati, Michele Damato, Salvatore D'Angelo, Ettore De Conciliis, Giuseppina De Gaetani, Agnese Del Sole, Francesco De Notaris, Francesco De Vito, Giancarlo de Vivo, Vittorio Emiliani,  Franco Fabiani, Fulvio Fammoni, Aldo Ferrara, Gianni Ferrara, Arcangelo Ferri, Pino Finocchiaro, Maura Fiore, Giorgio Frasca Polara, Peter Freeman, Alterio Frigerio, Tommaso Fulfaro, Domenico Gallo, Giuliana Gamba, Enrico Gargiulo, Giorgio Ghezzi, Andrea Ginsborg, Paolo Ginsborg, Angelo Giacobelli, Paolo Giuntella, Anna Maria Granatello,  Ottavio Grandinetti, Augusto Graziani, Tullio Grimaldi, Roberta Guarnieri, Ettore Guastalla, Adriana Lay, Francesco La Saponara, Stefania Linari, Laura Loreti Vignini, Giorgio Lunghini, Patrizia Maltese, Giovanna Marini, Graziano Marini, Massimo Marrelli, Francesco Martorelli, Enzo Marzo, Lella Marzol, Elio Matarazzo, Rita Mattei, Filippo Mazzonis, Massimiliano Melilli, Paolo Migliorini, Adalberto Minucci, Gianni Montesano, Roberto Morrione, Roberto Natale, Diego Novelli, Ottavio Olita, Alessandra Orlando,  Gian Piero Orsello, Vera Paggi, Fabrizio Paolini, Guido Perazzi, Giuseppe Pinna, Gabriella Pistone, Daniela Preziosi, Andrea Purgatori, Nino Rizzo Nervo, Francesco Rosi, Angelo Rossi, Giuseppina Rossi, Massimo Rutigliano, Sandro Ruotolo, David Sassoli, Giuliano Santelli, Sara Scalia, Paolo Serventi Longhi, Gianfranco Silenzi, Edoardo Simonetti, Carlo Smuraglia, Ugo Spagnoli, Maria Grazia Tajè, Maria Giovanna Tiana, Emiliano Vincenzo Toppi, Stefano Tozzi, Chiara Valentino, Enrico Varriale, Elio Veltri, Lorenzo Vigna.

L'indirizzo e-mail dell'Associazione è: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo


Visite: 7233 | Nessun commento | Preferiti (0)




Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti registrati possono commentare un'articolo.

Nessun commento inserito per questo articolo

 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca