Home arrow Giudici, avvocati e processi arrow Il Consiglio Nazionale Forense, quando pronuncia in materia ...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Giudici avvocati e processi Stampa E-mail

IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, QUANDO PRONUNCIA IN MATERIA DISCIPLINARE, ╚ ORGANO GIURISDIZIONALE - Deve perciò attenersi al principio dell'invariabilità del collegio giudicante (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 23240 del 17 novembre 2005, Pres. Corona, Rel. Bonomo).

L'invariabilità del collegio giudicante costituisce una caratteristica essenziale di ogni procedimento giurisdizionale e di ogni decisione giudiziaria, onde va affermata per il procedimento disciplinare davanti al Consiglio Nazionale Forense, in relazione alla natura di organo giurisdizionale attribuito a tale collegio, ed indipendentemente da ogni previsione normativa. Il Consiglio dell'Ordine locale, anche quando irroga una sanzione disciplinare, non è invece un giudice, ma compie un'attività amministrativa, per la quale non vige il principio dell'immutabilità del collegio decidente, essendo sufficiente soltanto che sia rispettato il quorum previsto per la validità delle deliberazioni.


Visite: 4929 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca