Home arrow LAVORO arrow In flash arrow La costituzione, da parte di un dipendente, di una societą c...
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Lavoro, In flash Stampa E-mail

LA COSTITUZIONE, DA PARTE DI UN DIPENDENTE, DI UNA SOCIETĄ CHE ABBIA PER OGGETTO LA STESSA ATTIVITĄ DEL DATORE DI LAVORO COSTITUISCE VIOLAZIONE DELL'OBBLIGO DI FEDELTĄ - In base all'art. 2105 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 1878 del 1 febbraio 2005, Pres. Senese, Rel. Miani Canevari).

L'obbligo di fedeltà a carico del lavoratore subordinato va collegato ai principi generali di correttezza e buona fede ex artt. 1175 e 1375 cod. civ., e, pertanto, impone al lavoratore di tenere un comportamento leale nei confronti del proprio datore di lavoro, astenendosi da qualsiasi atto idoneo a nuocergli anche potenzialmente; ai fini della violazione dell'obbligo di fedeltà incombente sul lavoratore ex art. 2105 cod. civ., è sufficiente la mera preordinazione di una attività contraria agli interessi del datore di lavoro anche solo potenzialmente produttiva di danno; in questa prospettiva, integra violazione del dovere di fedeltà di cui all'art. 2105 cod. civ., ed è potenzialmente produttiva di danno, la costituzione, da parte di un lavoratore dipendente, di una società per lo svolgimento della medesima attività economica svolta dal datore di lavoro.


Visite: 3326 | Preferiti (0)


 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca