Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro



LA PERDITA DI ALCUNI TRATTI QUALIFICANTI DELLA PROFESSIONALITA' DEL LAVORATORE PUO' GIUSTIFICARE IL RICONOSCIMENTO DEL RISARCIMENTO DEL DANNO - In via presuntiva (Cassazione Sezione Lavoro n. 13414 del 29 maggio 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Curzio).


 
IL DATORE DI LAVORO DEVE SEMPRE FORMALIZZARE RIGOROSAMENTE PER ISCRITTO LE RAGIONI SOSTITUTIVE ADDOTTE PER L'ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO - Anche se può omettere l'indicazione nominativa del lavoratore sostituito (Corte Costituzionale n. 107 del 29 maggio 2013, Pres. Gallo, Red. Mazzella).


 
E' SUBORDINATO IL GIORNALISTA CHE ORGANIZZA IL LAVORO DELLA REDAZIONE - Coordinando l'attività dei collaboratori esterni (Cassazione Sezione Lavoro n. 13224 del 28 maggio 2013, Pres. Stile, Rel. La Terza).


 
E' IMPRESCRITTIBILE L'AZIONE DI ACCERTAMENTO DELLA NULLITA' DEL CONTRATTO DI LAVORO - Stipulato in violazione del divieto di interposizione (Cassazione Sezione Lavoro n. 13248 del 28 maggio 2013, Pres. De Renzis, Rel. Blasutto).


 
IL LAVORATORE ASSUNTO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CON CONTRATTI A TERMINE E IRREGOLARI PUO' AGIRE PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO - Derivato dalla mancata stabilizzazione del rapporto (Cassazione Sezione Lavoro n. 13247 del 28 maggio 2013, Pres. Roselli, Rel. Manna).


 
LE SOMME ACCANTONATE DALL'AZIENDA PER PREVIDENZA COMPLEMENTARE NON SI COMPUTANO NEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO - In base alla legge n. 296/2006 (Cassazione Sezione Sesta Lavoro n. 13051 del 24 maggio 2013, Pres. e Rel. La Terza).


 
CON IL TERMINE MOBBING SI DEFINISCE UN COMPLESSO FENOMENO COSTITUITO DA UNA SERIE DI COMPORTAMENTI PERSECUTORI - Protratti nel tempo (Cassazione Sezione Lavoro n. 12725 del 23 maggio 2013, Pres. Amoroso, Rel. Tria).


 
IN CASO DI ORDINE DI REINTEGRAZIONE IL LAVORATORE DEVE RIPRENDERE SERVIZIO NELLA SEDE CUI ERA ADDETTO AL MOMENTO DELL'INTERRUZIONE DEL RAPPORTO - Illegittima la destinazione ad altra sede (Cassazione Sezione Lavoro n. 11927 del 16 maggio 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Arienzo).


 
IL PRINCIPIO DI IRRIDUCIBILITA' NON SI APPLICA ALLE INDENNITA' E AGLI EMOLUMENTI LEGATI A PARTICOLARI MODALITA' DI SVOLGIMENTO DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA - In base all'art. 2103 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 11918 del 16 maggio 2013, Pres. Vidiri, Rel. Balestrieri).


 
SE LA VESTIZIONE DEGLI INDUMENTI DI LAVORO AVVIENE CON MODALITA' IMPOSTE DALL'AZIENDA, IL TEMPO NECESSARIO PER L'OPERAZIONE RIENTRA NELL'ORARIO - E deve essere retribuito (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 11828 del 16 maggio 2013, Pres. Preden, Rel. Mammone).


 
<< Inizio < Prec. 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 Pross. > Fine >>

Risultati 741 - 750 di 798

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca