Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro



CONTESTAZIONE E CONVOCAZIONE NEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE - Impiego pubblico (Cassazione Sezione Lavoro n. 5314 del 2 marzo 2017, Pres. Macioce, Rel. Torrice).


 
IMMUTABILITA' DELLA CONTESTAZIONE DISCIPLINARE - Garanzia per la difesa (Cassazione Sezione Lavoro n. 5273 del 1 marzo 2017, Pres. Venuti, Rel. Patti).


 
NEL RICORSO PER CASSAZIONE IL RICORRENTE DEVE INDICARE IL FATTO STORICO NON ESAMINATO E IL LUOGO DELLA DISCUSSIONE PROCESSUALE - Decisività (Cassazione Sezione Lavoro n. 5212 del 28 febbraio 2017, Pres.Venuti, Rel. Spena).


 
LA MANCATA ISCRIZIONE NELL'ALBO DEI PRATICANTI GIORNALISTI COMPORTA LA NULLITA' DEL RAPPORTO DI LAVORO - Non è sanabile con la retrodatazione dell'iscrizione (Cassazione Sezione Lavoro n. 4814 del 24 febbraio 2017, Pres. Di Cerbo, Rel. Balestrieri).


 
IL LAVORATORE DEMANSIONATO DEVE PRECISARE FATTI E CIRCOSTANZE - Ai fini del risarcimento (Cassazione Sezione Lavoro n. 4264 del 17 febbraio 2017, Pres. Napoletano, Rel. Venuti).


 
CONTROLLO EX ACTIS - Prima dell'esame di merito (Cassazione Sezione Lavoro n. 4120 del 16 febbraio 2017, Pres. Venuti , Rel. Lorito).


 
L'INTERESSE DI AGIRE IN APPELLO - Utilità concreta derivabile (Cassazione Sezione Lavoro n. 4011 del 15 febbraio 2017, Pres. Macioce, Rel. Tria).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO L'ESERCIZIO DEI POTERI ISTRUTTORI D'UFFICIO IN GRADO DI APPELLO PRESUPPONE L'INSUSSISTENZA DI COLPEVOLE INERZIA DELLA PARTE INTERESSATA - Con conseguente preclusione (Cassazione Sezione Lavoro n. 3738 del 13 febbraio 2017, Pres. Macioce , Rel. Blasutto).


 
GLI OBBLIGHI DI FEDELTA' SONO PIU' AMPI DI QUELLI PREVISTI DALL'ART. 2105 COD. CIV. - Correttezza e buona fede (Cassazione Sezione Lavoro n. 3739 del 13 febbraio 2017, Pres. Macioce, Rel. Di Paolantonio).


 
LA MERA ACCETTAZIONE DELLA LIQUIDAZIONE NON PUO' ESSERE INTERPRETATA COME RINUNZIA AI DIRITTI DERIVANTI DALL'ILLEGITTIMITA' DEL RECESSO - Non esiste alcuna incompatibilità (Cassazione Sezione Lavoro n. 3045 del 6 febbraio 2017, Pres. Di Cerbo, Rel. Boghetich).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 61 - 70 di 813

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca