Home arrow LAVORO arrow In flash
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

In flash:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
In flash



NEL SETTORE GIORNALISTICO E' INDICE RIVELATORE DELLA SUBORDINAZIONE LA CIRCOSTANZA CHE IL LAVORATORE SI TENGA STABILMENTE A DISPOSIZIONE DELL'EDITORE - Per eseguirne le istruzioni (Cassazione Sezione Lavoro n. 18619 del 5 agosto 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Berrino). 


 
LA VALIDITA' DEL "PATTO DI DEQUALIFICAZIONE" AL FINE DI CONSERVARE IL RAPPORTO DI LAVORO NON IMPLICA UNA DEROGA ALL'ART. 2103 COD. CIV. - Si tratta di un adeguamento del contratto alla nuova situazione di fatto (Cassazione Sezione Lavoro n. 18535 del 2 agosto 2013, Pres. Stile, Rel. Arienzo).


 
IN CASO DI ASSUNZIONI EFFETTUATE DOPO UN LICENZIAMENTO PER RAGIONI ORGANIZZATIVE, INCOMBE AL DATORE DI LAVORO PROVARE CHE SI TRATTI DI MANSIONI NON EQUIVALENTI A QUELLE SVOLTE DAL LAVORATORE LICENZIATO - Tenuto conto della professionalità da lui raggiunta (Cassazione Sezione Lavoro n. 18416 del 1 agosto 2013, Pres. Stile, Rel. Venuti).


 
IL LAVORATORE PUO' CHIEDERE IL BLOCCO E LA CANCELLAZIONE DI DATI AZIENDALI RELATIVI AD ACCESSI NON AUTORIZZATI AD INTERNET - In base al decreto legislativo n. 196/2003 (Cassazione Sezione Lavoro n. 18443 del 1 agosto 2013, Pres. Salmé, Rel. Didone).


 
IL VIZIO DI MOTIVAZIONE DENUNCIABILE IN CASSAZIONE DEVE CONCERNERE UN "FATTO CONTROVERSO E DECISIVO" - Non un "punto decisivo della controversia" (Cassazione Sezione Lavoro n. 18368 del 31 luglio 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Curzio).


 
LA COMUNICAZIONE FINALE DELLA PROCEDURA DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO DEVE CONSENTIRE AL LAVORATORE LICENZIATO IL CONTROLLO DELLA SCELTA - In base alla legge n. 223/91 (Cassazione Sezione Lavoro n. 18300 del 31 luglio 2013, Pres. Stile, Rel. Venuti).


 
CHI AGISCE PER OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO DA ATTIVITA' MEDICA HA L'ONERE DI ALLEGARE E DI PROVARE L'ESISTENZA DEL RAPPORTO DI CURA, IL DANNO E IL NESSO CAUSALE - Il medico deve provare la scusabilità della propria condotta (Cassazione Sezione Lavoro n. 18341 del 31 luglio 2013, Pres. Berruti, Rel. Giacalone).


 
L'ILLEGITTIMITA' DEL LICENZIAMENTO DI UN DIRIGENTE PUBBLICO COMPORTA L'APPLICAZIONE DELL'ART. 18 ST. LAV. - Al rapporto fondamentale sottostante (Cassazione Sezione Lavoro n. 18198 del 29 luglio 2013, Pres. Roselli, Rel. Napoletano).


 
MANSIONI NON PREVISTE DALLA QUALIFICA E COMPORTANTI RESPONSABILITA' PENALE POSSONO ESSERE RIFIUTATE - In base all'art. 1460 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 17713 del 19 luglio 2013, Pres. Stile, Rel. Tria).


 
IL COMODATO DI UNA CASA PER TUTTA LA VITA PUO' ESSERE PROVATO PER TESTI E PER PRESUNZIONI - Gli eredi del comodante sono tenuti a rispettarlo (Cassazione Sezione Lavoro n. 17589 del 18 luglio 2013, Pres. Stile, Rel. Mancino).


 
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 561 - 570 di 634

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca