Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




Scegli il mese e l'anno per visualizzare i relativi articoli archiviati o usa il menu Archivio sulla sinistra, che mostra le annate in cui vi sono articoli archiviati in questa sezione.


IL PRINCIPIO DELL'OBBLIGATORIETA' DELLA LINGUA ITALIANA SI RIFERISCE AGLI ATTI PROCESSUALI E NON AI DOCUMENTI PRODOTTI DALLE PARTI - In base agli articoli 122 e 123 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Prima Covile n. 13249 del 16 giugno 2011, Pres. Carnevale, Rel. Ragonesi).


 
SPETTA AL GIUDICE DI MERITO ACCERTARE LA MANCATA CONTESTAZIONE, DA PARTE DEL CONVENUTO, DEI FATTI ALLEGATI DALL'ATTORE - Ai fini probatori (Cassazione Sezione Lavoro n. 12559 del 9 giugno 2011, Pres. Miani Canevari, Rel. Mammone).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO IL DEPOSITO DI NUOVI DOCUMENTI PUO' ESSERE AMMESSO SE ESSI SONO STATI FORMATI IN UN MOMENTO SUCCESSIVO AL DEPOSITO DEL RICORSO - Ovvero se la loro produzione sia giustificata dagli sviluppi del processo (Cassazione Sezione Lavoro n. 12466 dell'8 giugno 2011, Pres. Roselli, Rel. Mancino).


 
COSTITUISCE ILLECITO DISCIPLINARE IL COMPORTAMENTO DEL MAGISTRATO CHE PROTRAE INGIUSTIFICATAMENTE LA DURATA DI UNA CAUSA CIVILE - Violazione degli artt. 24 e 111 della Costituzione e dell'art. 6 Cedu (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 10867 del 18 maggio 2011, Pres. Vittoria, Rel. Bucciante).


 
NEI GIUDIZI DI IMPUGNAZIONE L'INTERESSE AD AGIRE SI RICOLLEGA A UNA SOCCOMBENZA NEL PRECEDENTE GIUDIZIO - In base all'art. 100 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 9308 del 22 aprile 2011, Pres. Foglia, Rel. Bandini).


 
IN CASO DI PLURALITA' DI CONSULENZE TECNICHE CONTRASTANTI IL GIUDICE DEVE MOTIVARE LA DECISIONE DI ATTENERSI AD UNA DI ESSE - Con specifica giustificazione (Cassazione Sezione Lavoro n. 4274 del 22 febbraio 2011, Pres. Roselli, Rel. Balestrieri).


 
LA CONTROVERSIA RELATIVA ALLA DECADENZA DALL'INCARICO DEL DIRETTORE GENERALE DELLA ASL RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DEL GIUDICE ORDINARIO - Situazione di diritto soggettivo (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 1767 del 26 gennaio 2011, Pres. Vittoria, Rel. Di Cerbo).


 
ALLE SENTENZE DI NON DOVERSI PROCEDERE PERCHE' IL REATO E' ESTINTO PER PRESCRIZIONE O AMNISTIA NON VA RICONOSCIUTA ALCUNA EFFICACIA EXTRAPENALE - In base all'art. 652 cod. proc. pen. (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 1768 del 26 gennaio 2011, Pres. Vittoria, Rel. Spirito).


 
IL DIVIETO DEI NUOVI MEZZI DI PROVA IN APPELLO NON E' ASSOLUTO - Possibile la ricerca della verità materiale nelle cause di lavoro (Cassazione Sezione Lavoro n. 1246 del 20 gennaio 2011, Pres. Miani Canevari, Rel. La Terza).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO, UNA VOLTA INSTAURATO IL GIUDIZIO, NUOVE DOMANDE POSSONO ESSERE PROPOSTE CON UN SECONDO RICORSO - Da riunire al primo (Cassazione Sezione Lavoro n. 24339 del 1 dicembre 2010, Pres. Vidiri, Rel. Meliadò).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 61 - 70 di 531

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca