Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




articoli archiviati per il 2009


IL VIZIO DI MOTIVAZIONE DI UNA SENTENZA PUO' CONSISTERE ANCHE NELL'ATTRIBUIRE A ELEMENTI DI GIUDIZIO UN SIGNIFICATO ESTRANEO AL SENSO COMUNE - In base all'art. 360 n. 5 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 10757 dell'11 maggio 2009, Pres. Ianniruberto, Rel. Napoletano).


 
NON E' NECESSARIO CHE IL RICORSO DIRETTO AD OTTENERE DIFFERENZE DI RETRIBUZIONE SIA MUNITO DI CONTEGGI ANALITICI - E' sufficiente indicare la somma richiesta e i titoli azionati (Cassazione Sezione Lavoro n. 10632 dell'8 maggio 2009, Pres. De Luca, Rel. Nobile).


 
NEL RICORSO IN CASSAZIONE IL QUESITO DI DIRITTO DEVE INDICARE LA FATTISPECIE CONCRETA CUI SI RIFERISCE - In base all'art. 366 bis cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Terza Civile n. 10469 del 7 maggio 2009, Pres. Preden, Rel. Massera).


 
LE REGOLE PER LA PRODUZIONE DEI DOCUMENTI IN CASSAZIONE - A sostegno delle censure di omessa ed erronea valutazione (Cassazione Sezione Terza Civile n. 10491 del 7 maggio 2009, Pres. Finocchiaro, Rel. Frasca).


 
LA DOMANDA DI RISARCIMENTO DEL DANNO PRODOTTO DA ANIMALI SELVATICI, PROPOSTA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DEL GIUDICE ORDINARIO - La tutela del danneggiato non può essere condizionata dalla limitazione dei mezzi finanziari dell'ente territoriale (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 10366 del 6 maggio 2009, Pres. Vittoria, Rel. Tirelli).


 
IL GIUDICE DEL LAVORO DEVE MOTIVARE LA MANCATA ATTIVAZIONE DEI POTERI ISTRUTTORI D'UFFICIO, SOLO SE SIA STATO SOLLECITATO DALLA PARTE - In base all'art. 421 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 10404 del 6 maggio 2009, Pres. De Luca, Rel. Monaci).


 
LA CONTROVERSIA NEI CONFRONTI DEL SOSTITUTO D'IMPOSTA, DIRETTA A CONTRASTARE LA LEGITTIMITA' DELLA RITENUTA FISCALE, E' DEVOLUTA AL GIUDICE TRIBUTARIO - Con l'estensione del contraddittorio all'Amministrazione finanziaria (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 9940 del 29 aprile 2009, Pres. Mattone, Rel. D'Alonzo).


 
IL DOLO PROCESSUALE PUO' COSTITUIRE MOTIVO DI REVOCAZIONE DELLA SENTENZA SOLO SE SI CONCRETI IN ARTIFICI O RAGGIRI - Non è sufficiente l'allegazione di fatti non veritieri (Cassazione Sezione Seconda Civile n. 9817 del 24 aprile 2009, Pres. Rovelli, Rel. San Giorgio).


 
LA SENTENZA DI CONDANNA PUO' COSTITUIRE TITOLO PER L'ESECUZIONE FORZATA ANCHE SE NON SPECIFICA LE SOMME DOVUTE - Se si può procedere alla quantificazione mediante un'operazione matematica (Cassazione Sezione Lavoro n. 9245 del 17 aprile 2009, Pres. Ravagnani, Rel. Curzio).


 
AI FINI DELLA DECISIONE SU QUESTIONI DI INTERPRETAZIONE DI NORME COLLETTIVE, NEL GIUDIZIO DAVANTI ALLA SUPREMA CORTE DEVE ESSERE DEPOSITATO IL TESTO INTEGRALE DEL CONTRATTO - In base all'art. 369 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 9246 del 17 aprile 2009, Pres. Sciarelli, Rel. Nobile).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 41 - 50 di 70

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca