Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




articoli archiviati per il 2009


E' INAMMISSIBILE IL REGOLAMENTO DI COMPETENZA CONTRO UNA SENTENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO CHE ABBIA RITENUTO COMPETENTE IL GIUDICE DEL LAVORO - La questione attiene alla distribuzione degli affari all'interno dello stesso ufficio (Cassazione Sezione Terza Civile, ordinanza n. 20494 del 23 settembre 2009, Pres. Preden, Rel. Vivaldi).


 
L'OMISSIONE DA PARTE DEL GIUDICE DEL TENTATIVO DI CONCILIAZIONE NON COMPORTA LA NULLITA' DELLA SENTENZA - Si tratta di un adempimento discrezionale (Cassazione Sezione Terza Civile n. 20122 del 18 settembre 2009, Pres. Varrone, Rel. Vivaldi).


 
LA RIVALUTAZIONE AUTOMATICA NON SI APPLICA PER I CREDITI DEL DATORE DI LAVORO VERSO I LAVORATORI - In base all'art. 429 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 19947 del 16 settembre 2009, Pres. Ianniruberto, Rel. Balletti).


 
L'AVVOCATO CHE SUBENTRA AD UN COLLEGA NELL'INCARICO PROFESSIONALE DEVE DARE TEMPESTIVAMENTE COMUNICAZIONE AL COLLEGA SOSTITUITO - Per obbligo di lealtà (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 19401 del 9 settembre 2009, Pres. Mattone, Rel. Mensitieri).


 
NEL RICORSO IN CASSAZIONE IL QUESITO NON PUO' CONSISTERE NELLA MERA RICHIESTA DI ACCOGLIMENTO DEL MOTIVO - Deve costituire la chiave di lettura delle ragioni esposte (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 19404 del 9 settembre 2009, Pres. Mattone, Rel. Mensitieri).


 
L'AVVOCATO DIPENDENTE DI ENTE PUBBLICO PUO' ESSERE ISCRITTO ALL'ALBO SOLO SE SVOLGE ESCLUSIVAMENTE ATTIVITA' LEGALE - Deve restare estraneo all'apparato amministrativo (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 18359 del 19 agosto 2009, Pres. Carbone, Rel. Mensitieri).


 
NEL RICORSO IN CASSAZIONE IL QUESITO DI DIRITTO NON DEVE RISOLVERSI IN UN'ENUNCIAZIONE DI CARATTERE GENERALE E ASTRATTA - In base all'art. 366 bis cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 18384 del 19 agosto 2009, Pres. e Rel. Mattone).


 
IL PUBBLICO MINISTERO SOTTOPOSTO A PROCESSO PENALE NON PUO' REAGIRE PROCESSANDO IL MAGISTRATO CHE INDAGA A SUO CARICO - V'è l'obbligo di astensione (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 15976 dell'8 luglio 2009, Pres. Mattone, Rel. Nappi).


 
LA RIVALUTAZIONE MONETARIA E GLI INTERESSI COSTITUISCONO UNA COMPONENTE DELL'OBBLIGAZIONE DI RISARCIMENTO DEL DANNO - Possono essere riconosciuti dal giudice anche d'ufficio (Cassazione Sezione Terza Civile n. 15928 del 7 luglio 2009, Pres. Senese, Rel. Talevi).


 
I MOTIVI DEL RICORSO PER CASSAZIONE DEVONO ESSERE SPECIFICI - In base all'art. 156 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Terza Civile n. 15899 del 7 luglio 2009, Pres. Filadoro, Rel. Frasca).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Pross. > Fine >>

Risultati 21 - 30 di 70

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca