Home arrow FAMIGLIA
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Famiglia:
 
2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
FAMIGLIA




Scegli il mese e l'anno per visualizzare i relativi articoli archiviati o usa il menu Archivio sulla sinistra, che mostra le annate in cui vi sono articoli archiviati in questa sezione.


NELLE CAUSE DI DIVORZIO, IN CASO DI CONTESTAZIONI SUI REDDITI, IL GIUDICE NON E' TENUTO A DISPORRE INDAGINI TRAMITE LA POLIZIA TRIBUTARIA - Si tratta di una facoltà discrezionale (Cassazione Sezione Prima Civile n. 593 del 14 gennaio 2008, Pres. Luccioli, Rel. Bonomo).


 
IN CASO DI DIVORZIO FRA CONIUGI CON FIGLI MINORI O INCAPACI, IL PUBBLICO MINISTERO E' TITOLARE DI UN AUTONOMO POTERE DI IMPUGNAZIONE - Pertanto è litisconsorte necessario in grado di appello (Cassazione Sezione Prima Civile n. 23379 dell'8 novembre 2007, Pres. Luccioli, Rel. Schirò).


 
LA SEPARAZIONE DEVE ESSERE PRONUNCIATA DAL GIUDICE ANCHE SE LA CONDIZIONE DI DISAFFEZIONE AL MATRIMONIO ESISTE PER UN SOLO CONIUGE - In base all'art. 151cod. civ. (Cassazione Sezione Prima Civile n. 21099 del 9 ottobre 2007, Pres. Luccioli, Rel. Felicetti).


 
L'ANNULLAMENTO DEL MATRIMONIO DISPOSTO DAL TRIBUNALE ECCLESIASTICO PER L'OCCULTAMENTO AL CONIUGE DI UN'INFEDELTÀ PREMATRIMONIALE NON È CONFORME ALL'ORDINE PUBBLICO ITALIANO - Contrasto di giurisprudenza (Cassazione Sezione Prima Civile, ordinanza n. 17767 del 21 agosto 2007, Pres. Luccioli, Rel. Bonomo).


 
LA PERCENTUALE DELL'INDENNITÀ DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SPETTANTE AL CONIUGE DIVORZIATO DEVE ESSERE APPLICATA SULL'IMPORTO PERCEPITO - In base all’art. 12 bis della legge sul divorzio (Cassazione Sezione Prima Civile n. 15299 del 6 luglio 2007, Pres. Luccioli, Rel. Felicetti).


 
IL MIGLIORAMENTO DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DELL'EX CONIUGE IN SEGUITO A UN'EREDITÀ NON PUÒ AVERE EFFETTI SULL'ENTITÀ DELL'ASSEGNO DIVORZILE DA LUI DOVUTO - Non v'è collegamento con la situazione patrimoniale determinatasi durante il matrimonio (Cassazione Sezione Prima Civile n. 12687 del 30 maggio 2007, Pres. Luccioli, Rel. Felicetti).


 
IN CASO DI SEPARAZIONE O DIVORZIO L'ASSEGNAZIONE DELLA CASA FAMILIARE È FINALIZZATA ESCLUSIVAMENTE ALLA TUTELA DELLA PROLE - Anche se ha riflessi economici (Cassazione Sezione Prima Civile n. 10994 del 14 maggio 2007, Pres. Luccioli, Rel. Petitti).


 
REVISIONE O SOPPRESSIONE DELL'ASSEGNO DIVORZILE IN CASO DI SOPRAVVENUTA MODIFICA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DEGLI EX CONIUGI - Necessario un rigoroso accertamento (Cassazione Sezione Prima Civile n. 10133 del 2 maggio 2007, Pres. Losavio, Rel. Del Core).


 
IL GIUDICE DI MERITO INVESTITO DELLA DECISIONE SU UN DISCONOSCIMENTO DI PATERNITÀ DEVE AMMETTERE LE PROVE GENETICHE ED EMATOLOGICHE - Anche se non sia stato dimostrato l'adulterio (Cassazione Sezione Prima Civile n. 1610 del 24 gennaio 2007, Pres. Luccioli, Rel. Bonomo.


 
L'ATTRIBUZIONE DELL'ASSEGNO DI MANTENIMENTO AL CONIUGE SEPARATO PRESUPPONE UNA SITUAZIONE DI DISPARITÀ ECONOMICA - In base all'art. 156 cod. civ. (Cassazione Sezione Prima Civile n. 26835 del 14 dicembre 2006, Pres. Luccioli, Rel. Felicetti).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 31 - 40 di 164

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca