Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




Scegli il mese e l'anno per visualizzare i relativi articoli archiviati o usa il menu Archivio sulla sinistra, che mostra le annate in cui vi sono articoli archiviati in questa sezione.


I DOCUMENTI POSSONO ESSERE PRODOTTI IN CASSAZIONE NEL FASCICOLO DI PARTE DEI PRECEDENTI GRADI - Rendendo possibile il loro reperimento (Cassazione Sezione Lavoro n. 2416 del 1 febbraio 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Tricomi).


 
IL RITARDO NEL DEPOSITO DELLE SENTENZE INTEGRA ILLECITO DISCIPLINARE QUANTO LEDE IL DIRITTO DELLE PARTI ALLA DURATA RAGIONEVOLE DEL PROCESSO - In base all'art. 111 Cost. e all'art. 6 CEDU (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 1768 del 25 gennaio 2013, Pres. Preden, Rel. Petitti).


 
UN ELEMENTO PROBATORIO, UNA VOLTA INTRODOTTO NEL PROCESSO, E' DEFINITIVAMENTE ACQUISITO ALLA CAUSA - In base al principio di acquisizione della prova (Cassazione Sezione Lavoro n. 1462 del 22 gennaio 2013, Pres. Miani Canevari, Rel. Manna).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO L'ESERCIZIO DEL POTERE ISTRUTTORIO D'UFFICIO NON E' MERAMENTE DISCREZIONALE - In base agli artt. 421 e 437 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 1228 del 18 gennaio 2013, Pres. Roselli, Rel. Fernandes).


 
LA REGOLA DELLA DURATA RAGIONEVOLE DEL PROCESSO SCONSIGLIA L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' ISTRUTTORIE CHE NON RISULTINO DECISIVE - Revocabilità delle ordinanze ammissive (Cassazione Sezione Lavoro n. 878 del 16 gennaio 2013, Pres. Lamorgese, Rel. Garri).


 
L'APPELLO DEVE ESSERE REDATTO IN MODO PIU' ORGANICO E STRUTTURATO - In base alla legge n. 134 del 2012 (Corte d'Appello di Roma 15 gennaio 2013 R.G. n. 7491/2012, Pres. Rel. Torrice).


 
L'ESSENZA DELLA GIURISDIZIONE SI FONDA SULL'OBBLIGO, PER IL GIUDICE, DI RENDERE RAGIONE DELLE SUE DECISIONI - In base all'art. 111 della Costituzione (Cassazione Sezione Quarta Penale n. 47 del 2 gennaio 2013, Pres. Brusco, Rel. Romis).


 
IL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE DECIDE SUL RICORSO STRAORDINARIO E' IMPUGNABILE IN CASSAZIONE - Per motivi attinenti alla giurisdizione (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 23464 del 19 dicembre 2012, Pres. Preden, Rel. Amoroso).


 
DEVE RITENERSI SUPERATO IL CRITERIO DEL FRAZIONAMENTO DELLA GIURISDIZIONE IN MATERIA DI PUBBLICO IMPIEGO - In base al principio della tendenziale unitarietà (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 20726 del 23 novembre 2012, Pres. Preden, Rel. Amoroso).


 
E' AMMISSIBILE LA PRODUZIONE, NEL GIUDIZIO DAVANTI ALLA SUPREMA CORTE, DI DOCUMENTI COMPROVANTI L'ESISTENZA DI UN GIUDICATO ESTERNO - Non si applica il divieto posto dall'art. 372 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 20427 del 21 novembre 2012, Pres. De Renzis, Rel. Blasutto).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 531

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca