Home arrow INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Informazione e comunicazione:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE




articoli archiviati per il 2012


IL GIORNALISTA PUO' DESCRIVERE LE ABITUDINI SESSUALI DI UNA PERSONA QUANDO L'INFORMAZIONE SIA ESSENZIALE - Nel rispetto della dignità (Cassazione Sezione Terza Civile n. 17408 del 12 ottobre 2012, Pres. Amatucci, Rel. Frasca).


 
LA LESIONE DELLA REPUTAZIONE E' UN DANNO IN RE IPSA - In quanto privazione di un valore della persona umana (Cassazione Sezione Lavoro n. 16543 del 28 settembre 2012, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
SOLTANTO LA CORRELAZIONE RIGOROSA TRA FATTO E NOTIZIA SODDISFA L'INTERESSE PUBBLICO ALL'INFORMAZIONE - Ed esclude la diffamazione (Cassazione Sezione Terza Civile n. 14822 del 4 settembre 2012, Pres. Chiarini, Rel. Amendola).


 
L'UNICA POSSIBILE FORMA DI LIQUIDAZIONE DEL RISARCIMENTO DEL DANNO MORALE DA DIFFAMAZIONE E' QUELLA EQUITATIVA - Per la natura del pregiudizio (Cassazione Sezione Terza Civile n. 12460 del 19 luglio 2012, Pres. Finocchiaro, Rel. Ambrosio).


 
CHI SVOLGE UN RUOLO POLITICO NON PUO' ESIMERSI DALL'ACCETTARE LA VERIFICA PUBBLICA DEI SUOI COMPORTAMENTI - Utilità sociale della discussione (Cassazione Sezione Terza Civile n. 4545 del 22 marzo 2012, Pres. Trifone, Rel. Carleo).


 
LE ACCUSE RIVOLTE A UN SUPERIORE DA UN SINDACALISTA POSSONO ESSERE RITENUTE GIUSTIFICATE DALL'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI CRITICA - Anche se aspre e graffianti (Cassazione Sezione Quinta Penale n. 7633 del 27 febbraio 2012, Presidente Grassi, Est. Bruno).


 
L'EDITTO DI WULFF E I PRECEDENTI ITALIANI - In materia di interventi sulla libertà di informazione.


 

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca