Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




articoli archiviati per il 2011


IN MATERIA DI GIURISDIZIONE DEL GIUDICE NAZIONALE NELLE CONTROVERSIE DI LAVORO DEVE APPLICARSI LA DISCIPLINA COMUNITARIA - Che prevale sulla normativa interna (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 25761 del 2 dicembre 2011, Pres. Rovelli, Rel. Massera).


 
IN CASO DI MORTE DI UNA DELLE PARTI NEL GIUDIZIO DI PRIMO GRADO, FRA GLI EREDI SI DETERMINA UNA SITUAZIONE DI LITISCONSORZIO NECESSARIO - Per ragioni di ordine processuale (Cassazione Sezione Prima Civile n. 25706 del 1 dicembre 2011, Pres. e Rel. Felicetti).


 
ANCHE L'ABITAZIONE DEL LAVORATORE PUO' ESSERE RITENUTA DIPENDENZA AZIENDALE - Ai fini della individuazione del giudice competente per territorio (Cassazione Sezione Lavoro n. 24717 del 23 novembre 2011, Pres. Vidiri, Rel. Curzio).


 
NON E' PREVISTO ALCUN INTERVALLO TEMPORALE FRA LA CONCLUSIONE DELL'UDIENZA DI DISCUSSIONE E LA LETTURA DEL DISPOSITIVO - Che può essere stato predisposto in precedenza (Cassazione Sezione Lavoro n. 24573 del 22 novembre 2011, Pres. Roselli, Rel.Berrino).


 
AI FINI DELLA CONDANNA GENERICA AL RISARCIMENTO DEI DANNI OCCORRE ACCERTARE SIA PURE CON VALUTAZIONE PROBABILISTICA LA PORTATA DANNOSA DELLA CONDOTTA ILLEGITTIMA - A termini dell'art. 228 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Terza Civile n. 24002 del 16 novembre 2011, Pres. Trifone, Rel. Carleo).


 
IL GIUDICE NAZIONALE DEVE DARE IMMEDIATA APPLICAZIONE DELLE NORME DELL'UNIONE EUROPEA PROVVISTE DI EFFETTO DIRETTO - Ferma la possibilità del controllo di costituzionalità (Cassazione Sezione Lavoro n. 23342 del 9 novembre 2011, Pres. De Luca, Rel. Mammone).


 
LA CORTE DI CASSAZIONE, NELL'INTERPRETAZIONE DEL CONTRATTO COLLETTIVO, DEVE POTERNE ESAMINARE TUTTE LE CLAUSOLE - Per questo è necessario che esso sia prodotto nel testo integrale (Cassazione Sezione Lavoro n. 22122 del 25 ottobre 2011, Pres. Miani Canevari, Rel. Filabozzi).


 
I PRINCIPI GIURISPRUDENZIALI IN MATERIA DI FORMULAZIONE DEI QUESITI DAVANTI ALLA SUPREMA CORTE - In base all'art. 366 bis cod. proc. civ. non più vigente (Cassazione Sezione Lavoro n. 21484 del 18 ottobre 2011, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
NEL PROCESSO CIVILE I NOMI DEI TESTIMONI DEVONO ESSERE INDICATI NEL TERMINE STABILITO DAL GIUDICE PER LE RICHIESTE ISTRUTTORIE - In base all'art. 184 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Terza Civile n. 21509 del 18 ottobre 2011, Pres. Filadoro, Rel. Carluccio).


 
LA CAPACITA' DI TESTIMONIARE DIFFERISCE DALL'ATTENDIBILITA' DEL TESTE - In base all'art. 246 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 21279 del 14 ottobre 2011, Pres. Roselli, Rel. Tria).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 25

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca