Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro




articoli archiviati per il 2007




IL PASSAGGIO DEI DIPENDENTI PUBBLICI AD UNA FASCIA FUNZIONALE SUPERIORE DEVE AVVENIRE PER PUBBLICO CONCORSO - In base all'art. 97 della Costituzione (Cassazione Sezione Lavoro n. 27127 del 21 dicembre 2007, Pres. Sciarelli, Rel. Balletti).


 
SE UN BANDO DI CONCORSO PREVEDE LO SCORRIMENTO DELLA GRADUATORIA IL LAVORATORE COLLOCATO IN POSIZIONE UTILE HA DIRITTO ALL'ASSUNZIONE - In caso di copertura di posti resisi vacanti (Cassazione Sezione Lavoro n. 27126 del 21 dicembre 2007, Pres. Sciarelli, Rel. Balletti).


 
LA RINUNCIA DA PARTE DEL LAVORATORE, IN VIA TRANSATTIVA, AGLI EFFETTI DI UNA SENTENZA DI REINTEGRAZIONE NON IMPEDISCE ALL'INPS DI AGIRE PER OTTENERE I CONTRIBUTI PREVIDENZIALI - Sulla retribuzione dovuta (Cassazione Sezione Lavoro n. 26946 del 20 dicembre 2007, Pres. Cuoco, Rel. Di Nubila).


 
IN CASO DI LICENZIAMENTO COLLETTIVO, L'AZIENDA NON PUO' LIMITARSI A INDICARE I CRITERI DI SCELTA, MA DEVE ANCHE PRECISARE LE LORO MODALITA' DI APPLICAZIONE - In base alla legge n. 223/91 (Cassazione Sezione Lavoro n. 26685 del 18 dicembre 2007, Pres. Cuoco, Rel. Celentano).


 
IL DEBITO PECUNIARIO PUO' ESSERE PAGATO ANCHE CON ASSEGNO CIRCOLARE - Il creditore può rifiutare il pagamento solo per giustificato motivo (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 26617 del 18 dicembre 2007, Pres. Carbone, Rel. Durante).


 
UN'AZIONE SINDACALE DI BOICOTTAGGIO DIRETTA AD OTTENERE L'APPLICAZIONE DEL CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DA PARTE DI UN'IMPRESA DI ALTRO STATO MEMBRO DELL'UNIONE EUROPEA E' CONTRARIA ALLA NORMATIVA COMUNITARIA IN MATERIA DI LIBERA PRESTAZIONE DI SERVIZI - Si applica l'art. 49 CE (Corte di Giustizia Europea sentenza del 18 dicembre 2007, Presidente Skouris, Rel. Lohmus)


 
L'INOTTEMPERANZA, DA PARTE DELL'AZIENDA, ALL'ORDINE DI REINTEGRAZIONE EMESSO DAL GIUDICE PUÒ CAUSARE AL LAVORATORE ANCHE UN DANNO ESISTENZIALE - Che, ai fini del risarcimento, deve essere provato (Cassazione Sezione Lavoro n. 26561 del 17 dicembre 2007, Pres. Ciciretti, Rel. Celentano).


 
LA SOSTITUZIONE DEL TITOLARE DI UNA POSIZIONE DI VERTICE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DEVE ESSERE ADEGUATAMENTE MOTIVATA - Va inoltre rispettato il principio del contraddittorio (Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio Sezione Seconda n. 13361 del 15.12.2007, Pres. Tosti, Est. Russo).


 
L'INADEMPIMENTO DEL LAVORATORE, PER GIUSTIFICARE IL LICENZIAMENTO, DEV'ESSERE "NOTEVOLE" - In base alla legge n. 604 del 1966 (Cassazione Sezione Lavoro n. 25743 del 10 dicembre 2007, Pres. Mercurio, Rel. Nobile).


 
IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL LICENZIAMENTO, IL LAVORATORE DEVE ESSERE REINTEGRATO NELLA STESSA SEDE DI LAVORO - Può essere collocato altrove solo nel caso di dimostrata impossibilità (Cassazione Sezione Lavoro n. 25668 del 7 dicembre 2007, Pres. Sciarelli, Rel. Maiorano).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 198

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca