Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




articoli archiviati per il 2006


NEL PROCESSO DEL LAVORO OGNI UDIENZA, COMPRESA LA PRIMA, È DESTINATA, OLTRE CHE ALL'ASSUNZIONE DELLE PROVE, ALLA DISCUSSIONE - E quindi all'immediata pronuncia della sentenza (Cassazione Sezione Lavoro n. 27457 del 22 dicembre 2006, Pres. Ciciretti, Rel. De Matteis).


 
LE DISPOSIZIONI DI UNA DIRETTIVA COMUNITARIA HANNO EFFICACIA VERTICALE - Lo Stato inadempiente può essere condannato al risarcimento del danno (Cassazione Sezione Prima Civile n. 23937 del 9 novembre 2006, Pres. Lo Savio, Rel. De Chiara).


 
LA CONTROVERSIA PROMOSSA DAL VINCITORE DI UN CONCORSO PUBBLICO PER OTTENERE L'ASSEGNAZIONE A UNA DETERMINATA SEDE RIENTRA NELLA GIURISDIZIONE DEL GIUDICE ORDINARIO - In base all'art. 2907 cod. civ. (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 23737 dell'8 novembre 2006, Pres. Carbone, Rel. La Terza).


 
I MOTIVI DEL RICORSO PER CASSAZIONE DEVONO ESSERE SPECIFICI COMPLETI E RIFERIBILI ALLA DECISIONE IMPUGNATA - In particolare quando si denuncia la violazione di norme di diritto (Cassazione Sezione Prima Civile n. 22499 del 19 ottobre 2006, Pres. Luccioli, Rel. Bonomo).


 
L'OBBLIGO PER GLI ISCRITTI ALLA F.I.G.C. DI RICORRERE ALLA GIUSTIZIA SPORTIVA SI FONDA SU UNA CLAUSOLA COMPROMISSORIA PER ARBITRATO IRRITUALE - Il sistema non è in contrasto con la Costituzione (Cassazione Sezione Prima Civile n. 21006 del 27 settembre 2006, Pres. Adamo, Rel. San Giorgio).


 
IL GIUDICE DEVE ORDINARE L'ACCOMPAGNAMENTO DEL TESTIMONE CITATO E NON COMPARSO SE LA SUA DEPOSIZIONE PUÒ AVERE PORTATA DECISIVA - In base all'art. 255 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 19278 dell'8 settembre 2006, Pres. Sciarelli, Rel. Lamorgese).


 
IL MANCATO ESERCIZIO, DA PARTE DEL GIUDICE DEL LAVORO, DEI POTERI ISTRUTTORI DI UFFICIO, PUÒ FORMARE OGGETTO DI RICORSO IN CASSAZIONE PER DIFETTO DI MOTIVAZIONE - Se l'ammissione della prova era stata richiesta da una delle parti (Cassazione Sezione Lavoro n. 14731 del 26 giugno 2006 Pres. Sciarelli, Rel. Curcuruto).


 
SPETTA AL GIUDICE ORDINARIO DECIDERE SULLA LEGITTIMITÀ DELLA REVOCA DELL'INCARICO DI "CITY MANAGER" CONFERITO DA UN COMUNE - Indipendentemente dalla natura subordinata o autonoma del rapporto di lavoro (Cassazione Sezioni Unite Civili, ordinanza n. 13538 del 12 giugno 2006, Pres. Carbone, Rel. Picone).


 
ILLEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE DELLA LEGGE UMBRA CHE HA STABILITO DI RISERVARE, NEI CONCORSI PER ASSUNZIONI, UNA QUOTA DI POSTI AI SOGGETTI CHE AVEVANO AVUTO RAPPORTI DI LAVORO CON LA REGIONE - Per violazione dell'art. 97 Cost. Rep. (Corte Costituzionale n. 205 del 26 maggio 2006, Pres. Marini, Red. Maddalena).


 
NEL PROCESSO DEL LAVORO IL DIRITTO DI PRODURRE DOCUMENTI SI ESTINGUE SE NON VIENE ESERCITATO AL MOMENTO DEL DEPOSITO DEL RICORSO O DELLA MEMORIA DIFENSIVA - Resta salva la possibilità, per il Giudice di disporre d'ufficio, mezzi istruttori al fine dell'accertamento della verità (Cassazione Sezione Lavoro n. 11922 del 22 maggio 2006, Pres. Mattone, Rel. Vidiri).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 20

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca