Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




articoli archiviati per il 2005


IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, QUANDO PRONUNCIA IN MATERIA DISCIPLINARE, È ORGANO GIURISDIZIONALE - Deve perciò attenersi al principio dell'invariabilità del collegio giudicante (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 23240 del 17 novembre 2005, Pres. Corona, Rel. Bonomo).


 
IL DEPOSITO DI DOCUMENTI IN GIUDIZIO DEVE ESSERE ACCOMPAGNATO DALLA PRECISAZIONE DELLO SCOPO PER IL QUALE ESSI SONO PRODOTTI - Affinché il Giudice li prenda in esame (Cassazione Sezione Lavoro n. 20265 del 20 ottobre 2005, Pres. Mileo, Rel. Nobile).


 
LE CAUSE DI LAVORO DEVONO ESSERE DEFINITE PIÙ RAPIDAMENTE DI QUELLE ORDINARIE - Perché la loro durata possa essere ritenuta ragionevole (Cassazione Sezione Prima Civile n. 18923 del 28 settembre 2005, Pres. ed Est. Criscuolo).


 
LA RIVALUTAZIONE MONETARIA VA APPLICATA ANCHE IN CASO DI CONDANNA AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO - In base all'art. 429 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 18624 del 22 settembre 2005, Pres. Ravagnani, Rel. Cuoco).


 
LA DOMANDA DI RISARCIMENTO DEL DANNO PER LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO DICHIARATA INAMMISSIBILE IN GRADO DI APPELLO, PUÒ ESSERE RIPROPOSTA IN ALTRO GIUDIZIO - Essa è autonoma rispetto alla domanda di annullamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 18271 del 15 settembre 2005, Pres. Senese, Rel. Figurelli).


 
AI FINI DELL'EQUA RIPARAZIONE PER IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO PENALE SI DEVE TENER CONTO DEL PERIODO IN CUI SONO STATE SVOLTE LE INDAGINI PRELIMINARI - Che non devono protrarsi oltre il limite stabilito dal legislatore (Cassazione Sezione Prima Civile n. 18266 del 15 settembre 2005, Pres. Morelli, Rel. Genovese).


 
UN DOCUMENTO CHE IL CONVENUTO AVREBBE POTUTO PRODURRE COSTITUENDOSI NEL GIUDIZIO DI PRIMO GRADO NON PUÒ ESSERE PRODOTTO IN APPELLO - In base all'art. 437 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 17968 del 9 settembre 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Figurelli).


 
LA COMPENSAZIONE DELLE SPESE DI GIUDIZIO PUÒ ESSERE DISPOSTA ANCHE NEI CONFRONTI DELLA PARTE TOTALMENTE VITTORIOSA - Per giusti motivi (Cassazione Sezione Prima Civile n. 17953 dell'8 settembre 2005, Pres. De Musis, Rel. Salvato).


 
L'IMPUGNAZIONE DEL LODO ARBITRALE IN MATERIA DISCIPLINARE NEL PUBBLICO IMPIEGO DEVE ESSERE PROPOSTA DAVANTI ALLA CORTE D'APPELLO - Perché si tratta di arbitrato rituale (Cassazione Sezione Lavoro n. 16772 del 9 agosto 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Vidiri).


 
LA CONSULENZA TECNICA PUÒ COSTITUIRE FONTE DIRETTA DI PROVA - Quando l'accertamento dei fatti richiede l'impiego di tecniche particolari (Cassazione Sezione Terza Civile n. 13401 del 22 giugno 2005, Pres. Nicastro, Rel. Durante).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 26

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca