Home arrow INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Informazione e comunicazione:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE




articoli archiviati per il 2004


IL GIORNALISTA INTERVISTATORE È ESENTE DA RESPONSABILITÀ PER LE DICHIARAZIONI RESE DALL'INTERVISTATO, SE LE RIFERISCE CORRETTAMENTE - Quando si tratta di questioni di pubblico interesse (Cassazione Sezione Terza Civile n. 23366 del 15 dicembre 2004, Pres. Vittoria, Rel. Talevi).


 
L'AZIONE CIVILE PER RISARCIMENTO DEL DANNO DERIVATO DA NOTIZIE DIFFUSE ATTRAVERSO LA TELEVISIONE PUÒ ESSERE PROPOSTA ANCHE DAVANTI AL TRIBUNALE DEL LUOGO OVE IL DANNEGGIATO È DOMICILIATO - Nuovo orientamento giurisprudenziale della Suprema Corte (Cassazione Sezione Terza Civile n. 22586 del 1 dicembre 2004, Pres. Vittoria, Rel. Segreto).


 
LE DICHIARAZIONI DI NATURA DIFFAMATORIA RESE DA UN PARLAMENTARE CON RIFERIMENTO A VICENDE CHE ABBIANO FORMATO OGGETTO DI INTERROGAZIONI PRESENTATE DA SUOI COLLEGHI NON RIENTRANO NELL'AMBITO DELL'IMMUNITÀ GARANTITA DALL'ART. 68 COST. REP. - Anche dopo l'entrata in vigore della legge 20 giugno 2003 n. 140 (Corte Costituzionale n. 347 e n. 348 del 19 novembre 2004, Pres. Onida, Red. Bile).


 
LA RIPARAZIONE PECUNIARIA PER IL REATO DI DIFFAMAZIONE È DOVUTA ANCHE DALL'EDITORE - In base all'art. 11 della legge 8.2.1948 n. 47 (Cassazione Sezione Terza Civile n. 21366 del 10 novembre 2004, Pres. Fiduccia, Rel. Travaglino).


 
LA PUBBLICAZIONE SU UN PERIODICO DI UN'INTERROGAZIONE PRESENTATA DA UN CONSIGLIERE PROVINCIALE NON È PUNIBILE ANCHE SE IL SUO CONTENUTO È OGGETTIVAMENTE DIFFAMATORIO - Perché rientra nell'esercizio del diritto di cronaca (Cassazione Sezione Terza Civile n. 20783 del 27 ottobre 2004, Pres. Duva, Rel. Limongelli).


 
LE ATTIVITÀ DI ISPEZIONE, DIVULGAZIONE, CRITICA E DENUNCIA POLITICA SVOLTE DAI MEMBRI DEL PARLAMENTO, CHE SECONDO LA LEGGE 20 GIUGNO 2003 N. 140, SONO INSINDACABILI, ANCHE SE SVOLTE AL DI FUORI DELLE CAMERE, DEVONO COMUNQUE RISULTARE IN CONNESSIONE CON L'ESERCIZIO DI FUNZIONI PARLAMENTARI - Esclusa qualsiasi forma di privilegio personale (Corte Costituzionale n. 120 del 16 aprile 2004, Pres. Zagrebelsky, Red. Mezzanotte e Capotosti).


 
LA TRASMISSIONE TELEVISIVA DEL PROCESSO A CARICO DI UN PEDOFILO PUÒ NUOCERE ALLO SVILUPPO PSICHICO E MORALE DEI MINORI - Se ne emergono fatti particolarmente drammatici (Cassazione Sezione Prima Civile n. 6759 del 6 aprile 2004, Pres. Losavio, Rel. Di Palma).


 

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca