Home arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Giudici avvocati e processi:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI




articoli archiviati per il 2000


LA COSTITUZIONE NON GARANTISCE IN OGNI CASO IL DIRITTO ALL'APPELLO CONTRO LE SENTENZE PENALI DI CONDANNA - Manifestamente infondata la questione di illegittimità costituzionale della recente riforma del codice di procedura penale, che ha escluso la possibilità di appello contro le condanne a pene pecuniarie (Cassazione Sezione Quinta Penale n. 12709 del 6 dicembre 2000, Pres. Lacanna, Rel. Providenti).


 
GLI INTERESSI DEL 15% PER UN MUTUO IPOTECARIO CONCESSO NEL 1993 NON SONO PIÙ DOVUTI DOPO L'ENTRATA IN VIGORE DELLE NORME ANTIUSURA INTRODOTTE CON LA LEGGE N. 108 DEL 1996 - Clausola colpita da nullità sopravvenuta (Cassazione Sezione Prima Civile n. 14899 del 17 novembre 2000, Pres. Reale, Rel. Verucci).


 
IL MAGISTRATO SOTTOPOSTO A PROCEDIMENTO DISCIPLINARE HA DIRITTO DI ESSERE DIFESO DA UN AVVOCATO - A garanzia della sua indipendenza e del prestigio dell'Ordine Giudiziario (Corte Costituzionale n. 497 del 16 novembre 2000, Pres. Mirabelli, Red. Mezzanotte).


 
IL RISARCIMENTO DEL DANNO PER LA MORTE DEL PADRE IN UN INCIDENTE STRADALE PUÒ ESSERE RICHIESTO DAL FIGLIO ANCHE SE, AL MOMENTO DEL SINISTRO, ERA ANCORA NEL VENTRE MATERNO - Per la perdita di assistenza e per la sofferenza provata quando ha preso conoscenza della mancanza della figura paterna (Cassazione Sezione Quarta Penale n. 11625 del 13 novembre 2000, Pres. Lisciotto, Rel. Brusco).


 
LA PROVA TESTIMONIALE, NEL PROCESSO CIVILE, E' CORRETTAMENTE ASSUNTA LEGGENDO AL TESTE I CAPITOLI E CHIEDENDOGLI SE LI CONFERMA - Possono poi essergli rivolte domande di chiarimento (Cassazione Sezione Lavoro n. 14410 del 3 novembre 2000, Pres. Sciarelli, Rel. Prestipino).


 
ANCHE PER I CREDITI DI LAVORO MATURATI DOPO IL 31 DICEMBRE 1994 SONO DOVUTI, IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO, SIA LA RIVALUTAZIONE MONETARIA CHE GLI INTERESSI LEGALI - Il divieto di cumulo, stabilito con la legge 23 dicembre 1994 n. 724 è contrario alla Costituzione (Corte Costituzionale n. 459 del 2 novembre 2000, Pres. Mirabelli, Red. Marini).


 
L'OMISSIONE DELLA SCRITTA "NUOCE GRAVEMENTE ALLA SALUTE" SUI PACCHETTI DI SIGARETTE NON È PIÙ REATO - Per l'infrazione deve applicarsi una sanzione pecuniaria amministrativa (Cassazione Sezione Terza Penale n. 10840 del 23 ottobre 2000, Pres. Malinconico, Rel. Fiale).


 
IL GIUDICE CHE OTTIENE UN PRESTITO DAL DIFENSORE DELL'IMPUTATO È RESPONSABILE DI ILLECITO DISCIPLINARE - Anche se non commette irregolarità nella conduzione del processo (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 1120 del 18 ottobre 2000, Pres. Vessia, Rel. Vitrone).


 
L'ERRORE DEL MAGISTRATO NELL'APPLICAZIONE DELLA LEGGE PUÒ CONFIGURARE ILLECITO DISCIPLINARE SE RISULTA EVITABILE CON L'IMPIEGO DI CULTURA E DILIGENZA MEDIE - Valgono in materia i criteri seguiti per l'accertamento della responsabilità dei professionisti (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 1119 del 18 ottobre 2000, Pres. Cantillo, Rel. Vittoria).


 
UN TESTIMONE NON PUÒ ESSERE RITENUTO INATTENDIBILE SOLO PERCHÉ CONIUGE DI UNA DELLE PARTI IN CAUSA - La sua credibilità deve essere valutata in base al contenuto della deposizione e alle altre prove raccolte (Cassazione Sezione Lavoro n. 12623 del 23 settembre 2000, Pres. Mileo, Rel. Di Lella).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 10 di 28

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca