Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro




articoli archiviati per il 2009




LA CESSIONE DI AZIENDA PUO' ESSERE REALIZZATA ANCHE MEDIANTE PIU' ATTI SEPARATI - Purché si verifichi il trasferimento di un complesso organico (Cassazione Sezione Terza Civile n. 25403 del 3 dicembre 2009, Pres. Varrone, Rel. Amendola).


 
L'INADEMPIMENTO DELL'AVVOCATO NON PUO' ESSERE SENZ'ALTRO DESUNTO DAL MANCATO RAGGIUNGIMENTO DI UN RISULTATO UTILE PER IL CLIENTE - La responsabilità del professionista sussiste in caso di violazione del dovere di diligenza (Cassazione Sezione Terza Civile n. 25271 del 1 dicembre 2009, Pres. Di Nanni, Rel. D'Amico).


 
IL DECRETO DI CONCESSIONE DELLA CIGS PUO' ESSERE DICHIARATO ILLEGITTIMO PER MANCANZA DELLE PRESCRITTE COMUNICAZIONI PREVENTIVE - Anche se sia stato preceduto da accordi sindacali (Cassazione Sezione Lavoro n. 25319 del 1 dicembre 2009, Pres. De Luca, Rel. De Renzis).


 
IL DIRIGENTE PUBBLICO HA DIRITTO, IN CASO DI LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO, ALLA TUTELA REINTEGRATORIA PREVISTA DALL'ART. 18 ST. LAV. - Lo stesso principio si applica nel caso di revoca dell'incarico (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 25254 del 1 dicembre 2009, Pres. Carbone, Rel. Amoroso).


 
LA RIDUZIONE DELLA CAPACITA' LAVORATIVA GENERICA RIENTRA NEL DANNO BIOLOGICO - Solo la lesione della capacità specifica costituisce un titolo autonomo di risarcimento (Cassazione Sezione Terza Civile n. 25289 del 1 dicembre 2009, Pres. Morelli, Rel. Filadoro).


 
LA CAUSA DI IMPUGNAZIONE DEL LICENZIAMENTO PROMOSSA DAL DIPENDENTE DI UN'AMBASCIATA DI STATO ESTERO SFUGGE ALLA GIURISDIZIONE ITALIANA - Anche se la domanda non sia diretta ad ottenere la reintegrazione (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 25265 del 1 dicembre 2009, Pres. Carbone, Rel. Tirelli).


 
NEL VALUTARE SE SIA LEGITTIMO UN LICENZIAMENTO PER GRAVE INADEMPIENZA, IL GIUDICE DEVE TENER CONTO DELL'ELEMENTO SOGGETTIVO DELLA CONDOTTA - In considerazione degli effetti della sanzione (Cassazione Sezione Lavoro n. 25306 del 1 dicembre 2009, Pres. Sciarelli, Rel. Zappia).


 
NON E' CONFORME ALLA LEGGE N. 223/91 LA COMUNICAZIONE DI APERTURA DELLA PROCEDURA DI RIDUZIONE DEL PERSONALE CONTENENTE FRASI DI STILE SUI MOTIVI DELL'ECCEDENZA - Ne consegue l'inefficacia dei licenziamenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 25235 del 30 novembre 2009, Pres. De Luca, Rel. Ianniello).


 
IL DANNO MORALE ED ESISTENZIALE DERIVATO AL LAVORATORE DA UN ERRORE NEL SUO COLLOCAMENTO IN PENSIONE PUO' ESSERE ACCERTATO PRESUNTIVAMENTE - Ma deve essere considerato una componente del danno biologico (Cassazione Sezione Lavoro n. 25236 del 30 novembre 2009, Pres. De Luca, Rel. Bandini).


 
L'ENTE PREVIDENZIALE NON PUO' RIDURRE L'IMPORTO DELLA PENSIONE CONCESSA - Perché ciò lederebbe l'affidamento del pensionato (Cassazione Sezione Lavoro n. 25030 del 27 novembre 2009, Pres. Roselli, Rel. Zappia).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 21 - 30 di 267

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca