Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro




articoli archiviati per il 2008




LA GIUSTA CAUSA E IL GIUSTIFICATO MOTIVO SOGGETTIVO DEL LICENZIAMENTO COSTITUISCONO QUALIFICAZIONI GIURIDICHE - Il giudice può modificare il titolo del recesso (Cassazione Sezione Lavoro n. 26379 del 3 novembre 2008, Pres. Mattone, Rel. Stile).


 
IL LAVORATORE SUBORDINATO E' TENUTO A RICEVERE LE COMUNICAZIONI FATTEGLI DALL'AZIENDA DURANTE L'ORARIO DI LAVORO - In considerazione del vincolo contrattuale (Cassazione Sezione Lavoro n. 26390 del 3 novembre 2008, Pres. Roselli, Rel. Ianniello).


 
L'ERRONEA IDENTIFICAZIONE DELLA PLATEA DEI LAVORATORI INTERESSATI DA UNA RIDUZIONE DI PERSONALE PRODUCE L'INEFFICACIA DEI LICENZIAMENTI - In base alla legge n. 223 del 1991 (Cassazione Sezione Lavoro n. 26376 del 3 novembre 2008, Pres. Mattone, Rel. Picone).


 
IL RITARDO DI ALCUNI GIORNI NELLA RIPRESA DEL SERVIZIO, DOPO LA SENTENZA DICHIARATIVA DELLA NULLITA' DEL TERMINE APPOSTO AL RAPPORTO DI LAVORO, PUO' ESSERE GIUSTIFICATO DA IMPEGNI IN PRECEDENZA ASSUNTI DAL LAVORATORE - Secondo un criterio di ragionevolezza (Cassazione Sezione Lavoro n. 26237 del 30 ottobre 2008, Pres. Roselli, Rel. Ianniello).


 
L'INCOMPLETEZZA DELLE INFORMAZIONI AZIENDALI COMPORTA L'ILLEGITTIMITA' DEL RICORSO ALLA CASSA INTEGRAZIONE - Anche se sia stato sottoscritto un accordo con le rappresentanze sindacali (Cassazione Sezione Lavoro n. 26245 del 30 ottobre 2008, Pres. Ianniruberto, Rel. Vidiri).


 
IL DIPENDENTE CHE NON È PIÙ FISICAMENTE IDONEO ALLE MANSIONI ASSEGNATEGLI NON HA DIRITTO DI OTTENERNE IL CAMBIAMENTO - Egli non può però essere licenziato se vi sia la possibilità di impiegarlo altrimenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 25883 del 28 ottobre 2008, Pres. Sciarelli, Rel. Monaci).


 
LA SCORRETTEZZA DEL COMPORTAMENTO AZIENDALE PUO' COSTITUIRE GIUSTA CAUSA DI DIMISSIONI - In base all'art. 2119 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 25886 del 28 ottobre 2008, Pres. Mattone, Rel. Balletti).


 
IL DIRIGENTE DECADUTO DALLA CARICA PER EFFETTO DELLO SPOILS SYSTEM HA DIRITTO ALLA RIAMMISSIONE IN SERVIZIO - Che non può essere sostituita da un indennizzo (Corte Costituzionale sentenza n. 351 del 24 ottobre 2008, Pres. Flick, Red. Cassese).


 
NEL RAPPORTO DI PUBBLICO IMPIEGO E' LEGITTIMA LA REVOCA DELLE MANSIONI SUPERIORI INDEBITAMENTE ASSEGNATE - Non si applica l'art. 2103 cod. civ. in materia di promozione automatica (Cassazione Sezione Lavoro n. 25761 del 24 ottobre 2008, Pres. De Luca, Rel. Napoletano).


 
L'INFORMAZIONE E LA FORMAZIONE DEL DIPENDENTE IN MATERIA DI SICUREZZA DEL LAVORO NON ESONERANO L'AZIENDA DAL DOVERE DI UNA COSTANTE VIGILANZA - In base all'art. 2087 cod. civ. e all'art. 4 del decreto legislativo n. 626/94 (Cassazione Sezione Quarta Penale n. 39888 del 23 ottobre 2008, Pres. Rizzo, Rel. Visconti).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 41 - 50 di 237

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca