Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro




articoli archiviati per il 2005




LA RIDUZIONE DELLA CAPACITÀ LAVORATIVA GENERICA È RISARCIBILE COME DANNO BIOLOGICO - Non vi è presunzione di pregiudizio da lucro cessante (Cassazione Sezione Terza Civile n. 20321 del 20 ottobre 2005, Pres. Vittoria, Rel. Segreto).


 
LA CAMERIERA ADDETTA AI TAVOLI PUÒ ESSERE RITENUTA LAVORATRICE SUBORDINATA ANCHE IN MANCANZA DI PROVA DELLA SUA SOGGEZIONE A DIRETTIVE DEL TITOLARE - Perché la sua prestazione ha un contenuto modesto e ripetitivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 20157 del 18 ottobre 2005, Pres. Senese, Rel. Amoroso).


 
L'INCLUSIONE DELLA MAGGIORAZIONE PER TURNO NOTTURNO NELLA RETRIBUZIONE PER LE FERIE DEVE ESSERE PREVISTA DAL CONTRATTO COLLETTIVO - Non deriva dalla legge (Cassazione Sezione Lavoro n. 20150 del 18 ottobre 2005, Pres. Sciarelli, Rel. Balletti).


 
ANCHE LA NORMATIVA EUROPEA ESCLUDE LA CONFIGURABILITÀ DI UN TRASFERIMENTO DI AZIENDA NEL CASO CHE LA CESSIONE NON ABBIA AD OGGETTO UN COMPLESSO DI BENI ORGANIZZATI - Ne consegue l'inapplicabilità dell'art. 2112 cod. civ. ai rapporti di lavoro (Cassazione Sezione Lavoro n. 20012 del 17 ottobre 2005, Pres. Ianniruberto, Rel. Vidiri).


 
SE IL LAVORATORE DIVENUTO FISICAMENTE INIDONEO VIENE ASSEGNATO A MANSIONI INFERIORI, IL DATORE DI LAVORO DEVE PROVARE DI NON AVER POTUTO EVITARE LA DEQUALIFICAZIONE - Per non dover rispondere del risarcimento del danno (Cassazione Sezione Lavoro n. 19686 del 10 ottobre 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Celentano).


 
COSTITUISCE ATTIVITÀ LAVORATIVA, PER L'AUTISTA DI LINEA, ANCHE IL RIMANERE A BORDO DELL'AUTOBUS, A DISPOSIZIONE DELL'AZIENDA, DOPO AVERE COMPLETATO IL TURNO DI GUIDA - In base alla legge n. 138 del 1958 (Cassazione Sezione Lavoro n. 19537 del 7 ottobre 2005, Pres. Mattone, Rel. Lupi).


 
L'AGENTE SI DISTINGUE DAL PROCACCIATORE DI AFFARI PER LA CONTINUITÀ E LA STABILITÀ DELL'INCARICO - In base all'art. 1743 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 21484 del 7 novembre 2005, Pres. Ciciretti, Rel. Di Nubila).


 
LA TEMPESTIVITÀ NELLA CONTESTAZIONE DELL'ADDEBITO È ELEMENTO COSTITUTIVO DEL LICENZIAMENTO PER MANCANZE - La non immediatezza induce a ritenere che l'azienda abbia soprasseduto all'applicazione della sanzione (Cassazione Sezione Lavoro n. 19424 del 6 ottobre 2005, Pres. Sciarelli, Rel. De Luca).


 
L'ATTIVITÀ LAVORATIVA SVOLTA DURANTE UN'ASSENZA PER MALATTIA NON COSTITUISCE INADEMPIENZA SE NON HA CAUSATO UN RITARDO NELLA GUARIGIONE - Va esclusa la configurabilità di una giusta causa di licenziamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 19414 del 6 ottobre 2005, Pres. Mattone, Rel. Filadoro).


 
IL LICENZIAMENTO DISCIPLINARE NON PUÒ ESSERE IRROGATO SE PER L'INFRAZIONE CONTESTATA AL LAVORATORE IL CONTRATTO COLLETTIVO PREVEDE UNA SANZIONE PIÙ LIEVE - Come la multa (Cassazione Sezione Lavoro n. 19053 del 29 settembre 2005, Pres. Senese, Rel. Di Cerbo).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 41 - 50 di 218

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca