Home arrow LAVORO
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali

Archivio

Lavoro:
 
2013      2012      2011      2010      2009      2008      2007      2006      2005      2004      2003      2002      2001      2000      1999      1998      1997     
Lavoro




articoli archiviati per il 2004




IL PATTO DI PROVA NON PUÒ ESSERE CONCORDATO SUCCESSIVAMENTE ALL'ASSUNZIONE - Esso deve essere inserito nel contratto iniziale (Cassazione Sezione Lavoro n. 22308 del 26 novembre 2004, Pres. Mattone, Rel. Filadoro).


 
L'ASSEGNAZIONE A LAVORI SOCIALMENTE UTILI NON COMPORTA L'INSTAURAZIONE DI UN RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE UTILIZZA LA PRESTAZIONE - Il rapporto ha natura previdenziale (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 22276 del 26 novembre 2004, Pres. Carbone, Rel. Vidiri).


 
LA VENDITA ANNUALE AL DIPENDENTE DI UN'AUTOVETTURA, SENZA PAGAMENTO DEL PREZZO, PUÒ COSTITUIRE UN "BENEFIT" DI NATURA RETRIBUTIVA - Con conseguente inclusione del suo controvalore nel trattamento di fine rapporto (Cassazione Sezione Lavoro n. 22264 del 25 novembre 2004, Pres. Ravagnani, Rel. Maiorano).


 
ANCHE UN PREMIO ANNUALE CORRISPOSTO AL DIPENDENTE NON DAL DATORE DI LAVORO, MA DA UN ALTRO SOGGETTO, PUÒ COSTITUIRE RETRIBUZIONE - Ai fini della applicazione dei contributi previdenziali (Cassazione Sezione Lavoro n. 22165 del 24 novembre 2004, Pres. Mileo, Rel. De Renzis).


 
IL DIRITTO ALLA SALUTE PREVALE SULL'OBBLIGO DI RESTARE A CASA NELLE ORE DELLA "FASCIA DI CONTROLLO" - L'allontanamento può essere giustificato da esigenze terapeutiche (Cassazione Sezione Lavoro n. 22065 del 23 novembre 2004, Pres. Senese, Rel. De Matteis).


 
UN CONTRATTO COLLETTIVO ENTRATO IN VIGORE DOPO LA CESSAZIONE DAL SERVIZIO DI UN LAVORATORE, NON PUÒ INCIDERE, CON EFFETTO RETROATTIVO, SUI SUOI DIRITTI - Eliminando un emolumento dovutogli in base al precedente contratto (Cassazione Sezione Lavoro n. 22005 del 22 novembre 2004, Pres. Ciciretti, Rel. Picone).


 
LA QUALITÀ DI SOCIO DI MAGGIORANZA DI UNA SOCIETÀ DI CAPITALI NON È INCOMPATIBILE CON QUELLA DI DIPENDENTE DELLA STESSA SOCIETÀ - Se egli non esercita, di fatto e in esclusiva, i poteri di gestione (Cassazione Sezione Lavoro n. 21759 del 17 novembre 2004, Pres. Mileo, Rel. Curcuruto).


 
NON COSTITUISCE GIUSTA CAUSA DI REVOCA DELL'INCARICO DI AMMINISTRATORE DI UNA SOCIETÀ L'OPPOSIZIONE DA LUI MANIFESTATA AD UNA FUSIONE VOLUTA DALLA SOCIETÀ CAPOGRUPPO - In base all'art. 2383 cod. civ. (Cassazione Sezione Prima Civile n. 21492 dell'11 novembre 2004, Pres. De Musis, Rel. Gilardi).


 
IL RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO A DOMICILIO REALIZZA UNA FORMA DI DECENTRAMENTO PRODUTTIVO - Non è escluso dal fatto che il lavoratore svolga la sua attività per una pluralità di committenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 21449 dell'11 novembre 2004, Pres. Mileo, Rel. Vidiri).


 
IN CASO DI TRASFERIMENTO ILLEGITTIMO IL LAVORATORE PUÒ OTTENERE IL RISARCIMENTO DEL DANNO - Da determinarsi in via equitativa (Cassazione Sezione Lavoro n. 21253 dell'8 novembre 2004, Pres. Ravagnani, Rel. Filadoro).


 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 11 - 20 di 211

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca