Home
Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Pubblicato in : Attualità, opinioni e commenti Stampa E-mail

OPINIONI E COMMENTI - Il cammello in Cassazione: sempre più rigorosa la giurisprudenza in materia di ammissibilità dei ricorsi

1 luglio 2008 - La giurisprudenza sempre più rigorosa della Suprema Corte in materia di ammissibilità dei ricorsi evoca alla memoria il detto evangelico: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago ......

Con la sentenza n. 15004/2008 della Terza Sezione Civile (in legge-e-giustizia, sezione Giudici Avvocati e Processi) si è affermata in termini del particolarmente stringenti l'esigenza che i ricorsi siano parcellizzati in modo da consentire alla Suprema Corte di individuare immediatamente le questioni di diritto sollevate e i vizi di motivazione denunciati dai ricorrenti. Una sorta di quizzario che consente alla Corte di rispondere con un sì o un no. Se i quiz non sono chiari, il ricorso è inammissibile. A questa esigenza si aggiunge quella di autosufficienza del ricorso, da ultimo affermata anche dalla Cassazione Penale. Un certo rigore iniziale è certamente necessario per far funzionare la recente riforma e scoraggiare gli abusi. Ma il limite è costituto dalla altrettanto primaria esigenza di non gettare via il bambino giustizia con l'acqua sporca delle imperfezioni stilistiche nella redazione dei ricorsi.(D.d'A).


Visite: 6218 | Commenti (1) | Preferiti (0)


I commenti degli utenti:  

Scritto da: dario guida il 03-07-2008 13:47

Scritto da: dario guida il 03-07-2008 13:47

la magistratura ormai è sull'orlo di una crisi di nervi: non riesce a vincere la guerra contro i politici (che cambiano le regole del loro gioco); non riesce ad avere una produzione legislativa coerente e ragionata; non riesce ad ottenere un potenziamento della struttura e degli orgnaici per far fronte alla crescente domanda di giustizia; ma riesce a vendicarsi sugli utenti della giustizia per ridurre e semplificare il proprio carico di lavoro! Combattuti dall'amletico dubbio "fare presto o fare bene", ossessionati dalla "ragionevole durata" dimenticano che sono pagati per fare giusti processi

 

» Segnala questo commento alla redazione

» Rispondi a questo commento

Visualizzati 1 di 1 commenti



Aggiungi il tuo commento
Solo gli utenti registrati possono commentare un'articolo.
 
< Precedente   Successivo >

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca