Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri arrow INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 1 - 10 di 237
Ordina per
Mostra # risultati



1. RISARCIBILITA' DEL DANNO DI IMMAGINE - Lesione di un diritto fondamentale (Cassazione Sezione Prima Civile n. 8397 del 27 aprile 2016, Pres. Forte, Rel. Terrusi).
(Informazione e comunicazione)

Fra i diritti fondamentali della persona umana garantiti dalla Costituzione rientra l'immagine. Per cui quando si verifichi la lesione dell'immagine con pubbliche affermazioni diffamatorie è risarcibile, oltre al danno patrimoniale, se ve...
27/04/2016 | 2922 Visite

2. PUO' RIENTRARE NEL DIRITTO DI SATIRA L'IDENTIFICAZIONE DI UNA PERSONA CON UN ESCREMENTO - Esasperazione grottesca ed iperbolica (Cassazione Sezione Terza Civile n. 6787 del 7 aprile 2016, Pres. Salmè, Rel. De Stefano).
(Informazione e comunicazione)

Il diritto di satira, a differenza da quello di cronaca, è sottratto al parametro della verità del fatto, in quanto esprime, mediante il paradosso e la metafora surreale, un giudizio ironico su un fatto, purché il fatto sia ...
07/04/2016 | 2914 Visite

3. LA LIBERTA' DI INSEGNAMENTO CONSENTE AGLI AUTORI DI UN LIBRO DI STORIA PER LE SCUOLE MEDIE DI ESPRIMERE GIUDIZI NEGATIVI SU UNA REGIONE - Art. 33 Cost. (Cassazione Sezione Terza Civile n. 6785 del 7 aprile 2016, Pres. Salmè, Rel. De Stefano).
(Informazione e comunicazione)

Per i giudizi espressi in un libro di testo per la scuola media inferiore - dal titolo "GEO Italia - Le regioni" - nei confronti della Sicilia e della sua popolazione, la Presidenza della Regione siciliana ha convenuto in giudizio l'ed...
07/04/2016 | 2723 Visite

4. PERCHE' L'INDAGINE STORICA ASSUMA CARATTERE SCIENTIFICO E' NECESSARIO CHE LE FONTI SIANO ESATTAMENTE INDIVIDUATE E RISCONTRABILI - Completezza e affidabilità dei dati (Cassazione Sezione Terza Civile n. 6784 del 7 aprile 2016, Pres. Salmè, Rel. De Stefano).
(Informazione e comunicazione)

L'espressione di un giudizio di critica storica esige la ricorrenza di un metodo scientifico d'indagine, mediante l'accurata, se non esaustiva, raccolta del materiale utilizzabile e lo studio delle fonti dalle quali esso è stato prelevato...
07/04/2016 | 2746 Visite

5. ESCLUSO IL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO PER LA PUBBLICAZIONE ARBITRARIA DI ATTI PROCESSUALI PENALI - Spazio alla cronaca (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 3727 del 25.2.2016, Pres. Amoroso, Rel. Amendola).
(Informazione e comunicazione)

Un appesantimento (per via giurisprudenziale) dell'apparato sanzionatorio che grava  sull'attività del cronista giudiziario, è stato evitato dalle Sezioni Unite Civili della Suprema Corte con la sentenza n. 3727 del 25.2.2016...
25/02/2016 | 3026 Visite

6. LA PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA, IN CASO DI DIFFAMAZIONE, PUO' ESSERE DISPOSTA INDIPENDENTEMENTE DALLA PROVA DELL'ESISTENZA DI UN DANNO ATTUALE - Sanzione autonoma (Cassazione Sezione Prima Civile n. 1091 del 21 gennaio 2016, Pres. Di Palma, Rel. Genovese).
(Informazione e comunicazione)

In materia di diffamazione, l'ordine di pubblicazione della sentenza costituisce "una modalità di risarcimento in forma specifica volta ad aggiungersi al risarcimento per equivalente al fine di assicurare, nei casi in cui il giudice ...
21/01/2016 | 2849 Visite

7. IN CASO DI INTERVISTA TELEVISIVA IN DIRETTA L'INTERVISTATORE DEVE OSSERVARE LA CAUTELA DI NON DARE LA PAROLA A SOGGETTI CHE PREVEDIBILMENTE COMMETTONO REATI - E compiere interventi di moderazione (Cassazione Sezione Quinta Penale n. 24727 del 21 gennaio 2016, Pres. e Rel. Micheli).
(Informazione e comunicazione)

L'intervista televisiva "in diretta" presuppone che siano comunicate notizie provenienti da una fonte "non filtrata", con la conseguenza che, in tal caso, non si può esigere dal giornalista l'esecuzione di un sia pur r...
21/01/2016 | 1958 Visite

8. SPETTA AL GIORNALISTA LA SELEZIONE DEGLI ARGOMENTI SUI QUALI FONDARE LA COMUNICAZIONE DELLA PROPRIA OPINIONE - In quanto titolare del diritto garantito dall'art. 21 Cost. (Cassazione Sezione Prima Penale n. 48642 del 9 dicembre 2015, Pres. Siotto, Rel. Sandrini).
(Informazione e comunicazione)

Può essere ritenuto legittimo, in quanto rientrante nell'esercizio del diritto di critica, l'uso, da parte di un giornalista del termine "insabbiamento" con riferimento a comportamenti tenuti da un magistrato del pubblico minist...
09/12/2015 | 2850 Visite

9. L'ESISTENZA DEL DANNO MORALE DA DIFFAMAZIONE DEVE ESSERE PROVATA - Anche mediante presunzioni semplici (Cassazione Sezione Terza Civile n. 23206 del 13 novembre 2015, Pres. Chiarini, Rel. Vincenti).
(Informazione e comunicazione)

Il quotidiano "Il Giornale", nel 2004 ha pubblicato la notizia che un magistrato della Direzione Nazionale Antimafia era stato sottoposto a procedimento disciplinare perché ritenuto responsabile di collusioni con la criminalit&a...
13/11/2015 | 3937 Visite

10. L'EMITTENTE TELEVISIVA CHE AFFIDA LA CONDUZIONE DI UN PROGRAMMA A PERSONA BEN NOTA PER LA MANCANZA DI REMORE NEL LINGUAGGIO RISPONDE PER I DANNI RECATI A TERZI - Anche se il conduttore non è dipendente (Cassazione Sezione Terza Civile n. 20601 del 14 ottobre 2015, Pres. Salmè, Rel. Scrima).
(Informazione e comunicazione)

In caso di lesione dell'onore e della reputazione altrui commessa col mezzo della televisione, incorre in responsabilità civile il gestore di una rete televisiva che abbia concorso nel produrre il danno ingiusto da diffamazione, responsab...
14/10/2015 | 2799 Visite

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>
  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca