Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri
Effettua la tua ricerca in base ai filtri che preferisci. Scegli la sezione, la categoria, l'anno di pubblicazione e filtra per una chiave a tua scelta. Se i risultati sono ancora troppi, potrai filtrare la ricerca per una ulteriore chiave.



Per utilizzare i motori di ricerca presenti su sito Ť necessario procedere alla registrazione.



ATTUALITA', OPINIONI E COMMENTI
DOCUMENTI
FAMIGLIA
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
LAVORO
Fatto e diritto, Il lavoro nel mondo, In flash
STUDI E CONVEGNI
 


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 51 - 60 di 5482
Ordina per
Mostra # risultati



51. IL REATO DI DIFFAMAZIONE VIA INTERNET E' QUELLO IN CUI IL CONTENUTO DIFFAMATORIO E' STATO CARICATO COME DATO INFORMATICO - Art. 9 c.p.p. (Cassazione Sezione Lavoro n. 8482 del 23 gennaio 2017, Pres.Palla, Rel. Catena).
(Lavoro/In flash)

Quanto al luogo di consumazione del reato di diffamazione tramite la rete Internet, ove sia impossibile stabilire il luogo di consumazione del reato e sia stato invece individuato quello in cui il contenuto diffamatorio è stato caricato c...
23/01/2017 | 842 Visite

52. LA MERA INERZIA DEL LAVORATORE E' INSUFFICIENTE A CONFIGURARE IL MUTUO CONSENSO - Chiara e certa volontà (Cassazione Sezione Lavoro n. 1552 del 20 gennaio 2017, Pres. Di Cerbo, Rel. Cinque).
(Lavoro/In flash)

La mera inerzia del lavoratore dopo la scadenza del contratto a termine è di per sé insufficiente a far considerare sussistente una risoluzione del rapporto per mutuo consenso in quanto, affinché possa configurarsi una tale ...
20/01/2017 | 844 Visite

53. LA CONFESSIONE STRAGIUDIZIALE RESA AD UN TERZO PUO' ESSERE SUFFICIENTE PER LA DECISIONE - Come la deposizione de relato ex parte (Cassazione Sezione Lavoro n. 1320 del 19 gennaio 2017, Pres. Bronzini, Rel. Manna).
(Lavoro/In flash)

Si pone il quesito in punto di diritto se e in che misura la deposizione de relato ex parte con cui si riferiscano circostanze sfavorevoli alla parte medesima (che funge da fonte referente) possa integrare prova o, almeno, elemento di prova idon...
19/01/2017 | 771 Visite

54. LA CESSIONE DI RAMO D'AZIENDA SUPPONE UNA PREESISTENTE REALTA' FUNZIONALMENTE AUTONOMA - Per evitare forme incontrollate di espulsione (Cassazione Sezione Lavoro n. 1316 del 19 gennaio 2017, Pres. Di Cerbo, Rel. Cinque).
(Lavoro/In flash)

Costituisce elemento costitutivo della cessione del ramo di azienda prevista dall'art. 2112 c.c., anche nel testo modificato dal D.Lgs n. 276 del 2003, art. 32, l'autonomia funzionale del ramo ceduto, ovvero la capacità di questo, gi&agra...
19/01/2017 | 721 Visite

55. LA VALUTAZIONE DATORIALE SULL'ESITO DELLA PROVA E' AMPIAMENTE DISCREZIONALE - Ma il licenziamento è nullo in caso di motivo illecito (Cassazione Sezione Lavoro n. 1180 del 18 gennaio 2017, Pres. Nobile, Rel. Ghinoy).
(Lavoro/In flash)

Nella fase genetica  del rapporto di lavoro le parti possono apporre una clausola di prova disciplinata dall'art. 2096 del cod. civ., dove l'interesse prevalente è la sperimentazione e la   valutazione  da parte del da...
18/01/2017 | 768 Visite

56. L'ANOMALIA MOTIVAZIONALE E' UNA VIOLAZIONE DI LEGGE COSTITUZIONALMENTE RILEVANTE - Per effetto della riforma (Cassazione Sezione Lavoro n. 476 del 11 gennaio 2017, Pres. Napoletano , Rel. Leo).
(Lavoro/In flash)

Invero, come sottolineato dalle Sezioni Unite della Suprema Corte (con la sentenza n. 8053 del 2014), per effetto della riforma del 2012, per un verso, è denunciabile in Cassazione solo l'anomalia motivazionale che si tramuta in violazion...
11/01/2017 | 858 Visite

57. IL LICENZIAMENTO PER SUPERAMENTO DEL PERIODO DI COMPORTO NON HA NATURA DISCIPLINARE - L'addebito può essere sintetizzato (Cassazione Sezione Lavoro n. 284 del 10 gennaio 2017, Pres. Amoroso , Rel. Negri Della Torre).
(Lavoro/In flash)

Il licenziamento per superamento del periodo di comporto è assimilabile non già ad un licenziamento disciplinare ma ad un licenziamento per giustificato motivo oggettivo; così che solo impropriamente, riguardo ad esso, si pu...
10/01/2017 | 906 Visite

58. SEMPLIFICAZIONE, SNELLIMENTO E DEFLAZIONE DEL CONTENZIOSO - In applicazione dell'art. 111 Cost. (Cassazione Sezione Lavoro n. 395 del 10 gennaio 2017, Pres. Amendola , Rel. Vincenti).
(Lavoro/In flash)

L'intervento novellatore del giudizio di legittimità recato dalla legge n. 197 del 2016 è ispirato, secondo una linea di tendenza registratasi nell'ultimo decennio, da pressanti esigenze di semplificazione, snellimento e deflazione...
10/01/2017 | 948 Visite

59. RIPRISTINO DELL'INCARICO DIRIGENZIALE - Forma di tutela per il dirigente pubblico (Cassazione Sezione Lavoro n. 217 del 9 gennaio 2017, Pres. Napoletano, Rel. Tria).
(Lavoro/In flash)

In applicazione dei principi affermati dalla giurisprudenza della Suprema Corte a proposito della configurazione del ripristino dell'incarico dirigenziale come una forma di tutela attribuibile da parte del giudice ordinario in favore dei dirigen...
09/01/2017 | 849 Visite

60. CONGRUITA' DELLA SANZIONE ESPULSIVA - Valutazione del giudice in concreto (Cassazione Sezione Lavoro n. 64 del 4 gennaio 2017, Pres. Mammone, Rel. Berrino).

(Lavoro/In flash)

In tema di licenziamento per giusta causa, ai fini della proporzionalità tra addebito e recesso, rileva ogni condotta che, per la sua gravità, possa scuotere la fiducia del datore di lavoro e far ritenere la continuazione del rapporto p...
04/01/2017 | 919 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca