Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri
Effettua la tua ricerca in base ai filtri che preferisci. Scegli la sezione, la categoria, l'anno di pubblicazione e filtra per una chiave a tua scelta. Se i risultati sono ancora troppi, potrai filtrare la ricerca per una ulteriore chiave.



Per utilizzare i motori di ricerca presenti su sito Ŕ necessario procedere alla registrazione.



ATTUALITA', OPINIONI E COMMENTI
DOCUMENTI
FAMIGLIA
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
LAVORO
Fatto e diritto, Il lavoro nel mondo, In flash
STUDI E CONVEGNI
 


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 291 - 300 di 5509
Ordina per
Mostra # risultati



291. NELLA MOTIVAZIONE DELLA SENTENZA IL FATTO VA COMUNQUE NARRATO NEI TERMINI RILEVANTI AI FINI DELLA DECISIONE - Secondo il nuovo art. 132 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 24940 del 10 dicembre 2015, Pres. Venuti, Rel. Tria).
(Giudici avvocati e processi)

L'art. 132 cod. proc. civ. indica gli elementi che devono essere contenuti obbligatoriamente nella sentenza. L'art. 45, comma 17, della legge 18 giugno 2009, n. 69 ha modificato l'art. 132, secondo comma, n. 4, cod. proc. civ., sostituendo alla ...
10/12/2015 | 6801 Visite

292. SPETTA AL GIORNALISTA LA SELEZIONE DEGLI ARGOMENTI SUI QUALI FONDARE LA COMUNICAZIONE DELLA PROPRIA OPINIONE - In quanto titolare del diritto garantito dall'art. 21 Cost. (Cassazione Sezione Prima Penale n. 48642 del 9 dicembre 2015, Pres. Siotto, Rel. Sandrini).
(Informazione e comunicazione)

Pu├▓ essere ritenuto legittimo, in quanto rientrante nell'esercizio del diritto di critica, l'uso, da parte di un giornalista del termine "insabbiamento" con riferimento a comportamenti tenuti da un magistrato del pubblico minist...
09/12/2015 | 7179 Visite

293. IL TRASFERIMENTO D'AZIENDA E' CONFIGURABILE ANCHE NEI CASI DI SUCCESSIONE NELL'APPALTO - In base all'art. 2112 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 24803 del 7 dicembre 2015, Pres. Amoroso, Rel. Nobile).
(Lavoro/In flash)

L'art. 2112 cod. civ. deve ritenersi applicabile anche nei casi in cui il trasferimento dell'azienda non derivi dall'esistenza di un contratto tra cedente e cessionario ma sia riconducibile ad un atto autoritativo della P.A.. La norma postula so...
07/12/2015 | 5022 Visite

294. DAL NUOVO TESTO DELL'ART. 360 C.P.C. E' SCOMPARSO IL TERMINE "MOTIVAZIONE" - L'omesso esame deve riguardare un fatto storico (Cassazione Sezione Lavoro n. 24801 del 7 dicembre 2015, Pres. Venuti, Rel. Doronzo).
(Giudici avvocati e processi)

Le Sezioni Unite della Suprema Corte ( Sez. Un. 7 aprile 2014, nn. 8053, 8054) hanno avuto modo di precisare che a seguito della modifica dell'art. 360, comma 1┬░, n. 5, c.p.c., il vizio di motivazione si restringe a quello di violazione di l...
07/12/2015 | 6968 Visite

295. IL LAVORATORE ASSUNTO A TEMPO DETERMINATO HA DIRITTO A PERCEPIRE I COMPENSI INCENTIVANTI VERSATI AI DIPENDENTI IN ORGANICO - Non discriminazione (Cassazione Sezione Lavoro n. 24736 del 4 dicembre 2015, Pres. Macioce, Rel. Blasutto).
(Lavoro/Fatto e diritto)

Giorgio N. ha lavorato alle dipendenze della Croce Rossa Italiana con contratti di lavoro a tempo determinato in qualità di autista soccorritore, inquadrato nell'Area A, posizione A2 CCNL enti pubblici non economici. Egli ha percepito una...
04/12/2015 | 7050 Visite

296. ASSORBIMENTO DEL SUPERMINIMO - Salvo patto contrario (Cassazione Sezione Lavoro n. 24643 del 3 dicembre 2015, Pres. Stile, Rel. Berrino).
(Lavoro/In flash)

Il cosiddetto superminimo, ossia l'eccedenza retributiva rispetto ai minimi tabellari, individualmente pattuito tra datore di lavoro e lavoratore, ├Ę soggetto al principio dell'assorbimento, nel senso che, in caso di riconoscimento del di...
03/12/2015 | 5210 Visite

297. E' NULLO PERCHE' RITORSIVO IL LICENZIAMENTO INTIMATO A UN IMPIEGATO PER AVERE RIVOLTO, AI VERTICI AZIENDALI, IN UNA RELAZIONE INTERNA, CRITICHE SU ATTI DI GESTIONE - Diritto fondamentale tutelato dalla Costituzione e dalla normativa europea (Cassazione Sezione Lavoro n. 24648 del 3 dicembre 2015, Pres. Roselli, Rel. Tria).
(Lavoro/Fatto e diritto)

Fulvio E., dipendente della S.p.a. Going, avente meno di 16 dipendenti, ├Ę stato sottoposto a procedimento disciplinare e licenziato con l'addebito di infedelt├á per avere predisposto e consegnato a uno dei consiglieri di amministraz...
03/12/2015 | 7673 Visite

298. OBBLIGO IN CASSAZIONE DI PRODURRE IL CONTRATTO COLLETTIVO E DI INDICARNE IL CONTENUTO - Strumentalità delle forme (Cassazione Sezione Lavoro n. 24540 del 2 dicembre 2015, Pres. Roselli, Rel. Lorito).
(Lavoro/In flash)

A termini dell'art. 369, secondo comma, n. 4 cod. proc. civ. nel giudizio di cassazione grava sul ricorrente di depositare, a pena di improcedibilità, copia dei contratti o degli accordi collettivi sui quali il ricorso si fonda. Detto on...
02/12/2015 | 5443 Visite

299. IL GIUDICE PUO' FONDARE LA SUA DECISIONE ANCHE SU ARGOMENTAZIONI O CONSIDERAZIONI NON PROSPETTATE DALLE PARTI - Iura novit curia (Cassazione Sezione Lavoro n. 24540 del 2 dicembre 2015, Pres. Roselli, Rel. Lorito).
(Giudici avvocati e processi)

In materia di procedura civile l'applicazione del principio "iura novit curia", di cui all'art.113, comma primo, cod. proc. civ., fa salva la possibilità per il giudice di assegnare una diversa qualificazione giuridica ai fatti ...
02/12/2015 | 6690 Visite

300. L'INDENNITA' SOSTITUTIVA DEL PREAVVISO E' DOVUTA ANCHE SE IL LAVORATORE LICENZIATO TROVA IMMEDIATAMENTE OCCUPAZIONE - In base all'art. 2118 cod. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 24429 del 1 dicembre 2015, Pres. Venuti, Rel. Tricomi).
(Lavoro/In flash)

L'art. 2118 c.c. prevede l'obbligo del datore di lavoro di corrispondere l'indennità sostitutiva del preavviso in ogni caso di licenziamento in cui non ci sia stato un preavviso lavorato senza eccettuare l'ipotesi in cui il lavoratore lic...
01/12/2015 | 5002 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca