Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri
Effettua la tua ricerca in base ai filtri che preferisci. Scegli la sezione, la categoria, l'anno di pubblicazione e filtra per una chiave a tua scelta. Se i risultati sono ancora troppi, potrai filtrare la ricerca per una ulteriore chiave.



Per utilizzare i motori di ricerca presenti su sito Ť necessario procedere alla registrazione.



ATTUALITA', OPINIONI E COMMENTI
DOCUMENTI
FAMIGLIA
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
LAVORO
Fatto e diritto, Il lavoro nel mondo, In flash
STUDI E CONVEGNI
 


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 211 - 220 di 5509
Ordina per
Mostra # risultati



211. IN CASO DI PASSAGGIO DALLA SCUOLA MATERNA A QUELLA SECONDARIA L'INSEGNANTE HA DIRITTO AL RICONOSCIMENTO INTEGRALE DELL'ANZIANITA' MATURATA - Ricostruzione di carriera (Cassazione Sezioni Unite sentenza n. 9144 del 6 maggio 2016, Pres. Amoroso, Rel. Curzio).
(Lavoro/Fatto e diritto)

La professoressa Adalgisa C. è stata docente di ruolo nella scuola materna dal 1992 al 2002. Nell'anno scolastico 2002-2003 ella è passata alle scuole secondarie. In tale occasione il Ministro dell'Istruzione ha applicato per la ri...
06/05/2016 | 7022 Visite

212. IL VIZIO DI OMESSA PRONUNCIA PUO' ESSERE DENUNCIATO IN CASSAZIONE COME NULLITA' DELLA SENTENZA - In base all'art. 360 n. 4 c.p.c. (Cassazione Sezione Lavoro n. 9051 del 5 maggio 2016, Pres. Napoletano, Rel. Riverso).
(Lavoro/In flash)

Il vizio di omessa pronuncia può essere dedotto solo ai sensi dell'art. 360 n. 4 ovvero come nullità della sentenza e non certamente come vizio di motivazione. Infatti (Cass.11801/2013) la decisione del giudice di secondo grado che...
05/05/2016 | 7209 Visite

213. LA BANCA E' TENUTA ALLA NORMALE DILIGENZA NEL CONTROLLO DELLE FIRME SUGLI ASSEGNI - Non è richiesta una particolare attrezzatura (Cassazione Sezione Prima Civile n. 8731 del 3 maggio 2016, Pres. Giancola, Rel. Bisogni).
(Lavoro/In flash)

La banca cui sia presentato per l'incasso un assegno, ha il dovere di pagarlo se l'eventuale irregolarità (falsificazione o alterazione) dei requisiti esteriori non sia rilevabile con la normale diligenza inerente all'attività banc...
03/05/2016 | 5041 Visite

214. IL LICENZIAMENTO PER SUPERAMENTO DEL COMPORTO E' ASSIMILABILE A QUELLO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO - Non si tratta di un provvedimento disciplinare (Cassazione Sezione Lavoro n. 8707 del 3 maggio 2016, Pres. Roselli, Rel. De Gregorio).
(Lavoro/In flash)

Il recesso per superamento del periodo di comporto è assimilabile, non al licenziamento disciplinare, ma a quello per giustificato motivo oggettivo. Solo impropriamente, riguardo ad esso, si può parlare di contestazione delle asse...
03/05/2016 | 5211 Visite

215. IL COMPORTAMENTO DEL LAVORATORE ASSENTE PER MALATTIA PUO' ESSERE ACCERTATO MEDIANTE UN INVESTIGATORE PRIVATO - Non si tratta di controllo medico vietato dall'art. 5 St. Lav. (Cassazione Sezione Lavoro n. 8709 del 3 maggio 2016 Pres. Amoroso, Rel. Riverso).
(Lavoro/In flash)

Nel nostro ordinamento è ammissibile la testimonianza e la relazione dell'agente investigativo che verta non sulla malattia, ma sull'attività svolta (alla luce del sole) dal lavoratore in malattia. Da ultimo, in questo senso Cass. ...
03/05/2016 | 5005 Visite

216. LA DICHIARAZIONE DI NON AVER NULLA A PRETENDERE INSERITA IN UNA QUIETANZA NON HA NATURA TRANSATTIVA - Convincimento soggettivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 8606 del 2 maggio 2016, Pres. Nobile, Rel. Manna).
(Lavoro/In flash)

L'atto con il quale il lavoratore dichiara di non aver nulla a pretendere, a seguito della corresponsione di una determinata somma di denaro, non può considerarsi, per ciò solo, una rinunzia a tutti i diritti scaturenti dal rapport...
02/05/2016 | 7969 Visite

217. IL LAVORATORE CHE, SENZA AVERNE I REQUISITI, SI DIMETTA PER ANDARE IN PENSIONE SULLA BASE DI ERRONEE INFORMAZIONI FORNITEGLI DALL'INPS HA DIRITTO AL RISARCIMENTO DEL DANNO - Tutela dell'affidamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 8604 del 2 maggio 2016, Pres. Venuti, Rel. Doronzo).
(Lavoro/Fatto e diritto)

La Corte di Appello di Torino, con sentenza depositata in data 10/12/2009, ha confermato la sentenza resa dal Tribunale della stessa sede che aveva rigettato la domanda proposta da Franco Gastaldi, avente ad oggetto la condanna dell'Inps al risa...
02/05/2016 | 7213 Visite

218. UN NUOVO MEZZO ISTRUTTORIO E' AMMISSIBILE IN GRADO DI APPELLO SOLO SE INDISPENSABILE - Contributo decisivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 8568 del 29 aprile 2016 Pres. Nobile, Rel. Lorito).
(Giudici avvocati e processi)

Un nuovo mezzo istruttorio è ammissibile in grado di appello solo se indispensabile ovvero quando appaia idoneo, per lo spessore contenutistico che lo connota, a sovvertire il verdetto di primo grado, nel senso di mutare il contenuto di u...
29/04/2016 | 6361 Visite

219. RISARCIBILITA' DEL DANNO DI IMMAGINE - Lesione di un diritto fondamentale (Cassazione Sezione Prima Civile n. 8397 del 27 aprile 2016, Pres. Forte, Rel. Terrusi).
(Informazione e comunicazione)

Fra i diritti fondamentali della persona umana garantiti dalla Costituzione rientra l'immagine. Per cui quando si verifichi la lesione dell'immagine con pubbliche affermazioni diffamatorie è risarcibile, oltre al danno patrimoniale, se ve...
27/04/2016 | 7543 Visite

220. LA DETERMINAZIONE DEL DANNO BIOLOGICO AVVIENE CON CRITERI DIVERSI IN SEDE CIVILISTICA E PREVIDENZIALE - Le tabelle (Cassazione Sezione Lavoro n. 8243 del 26 aprile 2016, Pres. Bronzini, Rel. Riverso).
(Lavoro/In flash)

La determinazione del danno biologico ai fini della tutela dell'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali non si effettua con i medesimi criteri validi in sede civilistica atteso che in sede previdenziale vanno o...
26/04/2016 | 4902 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca