Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 81 - 90 di 740
Ordina per
Mostra # risultati



81. LA REVOCA ILLEGITTIMA DI UN INCARICO DIRIGENZIALE PUBBLICO PRODUCE DANNO NON PATRIMONIALE RISARCIBILE - Da determinarsi in ragione della durata e gravità dell'attuato demansionamento e della frustrazione di ragionevoli aspettative (Cassazione Sezione Lavoro n. 56 dell'8 gennaio 2015, Pres. Macioce, Est. D'Antonio).
(Giudici avvocati e processi)

In caso di revoca illegittima di un incarico dirigenziale da parte del datore di lavoro pubblico, costituiscono profili rilevanti, ai fini del diritto del lavoratore al risarcimento del danno non patrimoniale, le ragioni dell'illegittimit&agrave...
08/01/2015 | 7024 Visite

82. E' INAMMISSIBILE L'ATTO DI APPELLO CHE SI LIMITI AD ESPORRE LE TESI GIURIDICHE GIA' ILLUSTRATE IN PRIMO GRADO - Art. 342 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 18 del 7 gennaio 2015, Pres. Macioce, Rel. Amendola).
(Giudici avvocati e processi)

 Nell'atto di appello pur prescindendo da qualsiasi particolare rigore di forme, occorre comunque che al giudice siano esposte, anche sommariamente, le ragioni di fatto e di diritto su cui si fonda l'impugnazione, ovvero che, in relazione a...
07/01/2015 | 7675 Visite

83. LA CASSAZIONE CONTROLLA LA COERENZA LOGICO-FORMALE E LA CORRETTEZZA GIURIDICA DELLA SENTENZA IMPUGNATA - Spetta al giudice del merito la scelta delle risultanze probatorie (Cassazione Sezione Lavoro n. 27238 del 22 dicembre 2014, Pres. Macioce, Rel. Amendola).
(Giudici avvocati e processi)

Il ricorso per cassazione per motivazione omessa o insufficiente è configurabile soltanto qualora dal ragionamento del giudice di merito, come risultante dalla sentenza impugnata, emerge la totale obliterazione di elementi che potrebbero ...
22/12/2014 | 7329 Visite

84. ANCHE IN GRADO DI RINVIO, IL GIUDICE PUO' ESERCITARE I SUOI POTERI ISTRUTTORI UFFICIOSI - Disponendo una consulenza tecnica (Cassazione Sezioe Lavoro n. 26730 del 18 dicembre 2014, Pres. Vidiri, Rel. Ghinoy).
(Giudici avvocati e processi)

Per costante giurisprudenza quello di rinvio è un giudizio a carattere "chiuso", tendente a una nuova decisione (nell'ambito fissato dalla sentenza di legittimità) in sostituzione di quella cassata, nel quale le parti son...
18/12/2014 | 6661 Visite

85. L'AZIONE DI RESPONSABILITA' PROPOSTA DAL PROCURATORE CONTABILE NON SI IDENTIFICA CON QUELLA CHE UN'AMMINISTRAZIONE PUO' AUTONOMAMENTE PROMUOVERE - Nei confronti di propri dipendenti (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 26659 del 18 dicembre 2014, Pres. Rovelli, Rel. Ambrosio).
(Giudici avvocati e processi)

Costituisce ius receptum che giurisdizione penale e civile, da un lato, e giurisdizione contabile dall'altro sono reciprocamente indipendenti nei loro profili istituzionali, anche quando investono un medesimo fatto materiale. L'eventuale interf...
18/12/2014 | 7097 Visite

86. LE CONTROVERSIE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DEVONO ESSERE DECISE DAL GIUDICE ORDINARIO - Che potrà disapplicare atti amministrativi illegittimi (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 26660 del 18 dicembre 2014, Pres. Rovelli, Rel. Curzio).
(Giudici avvocati e processi)

L'art. 63 del d.lgs. 165 del 2001, di cui si assume la violazione, dispone che sono devolute al giudice ordinario le controversie relative ai rapporti di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche di cui all'art. 1, comma 2, del med...
18/12/2014 | 6698 Visite

87. NEL PROCESSO DEL LAVORO IL DIVIETO DI "NOVA" IN APPELLO E' ESTESO ALLE CONTESTAZIONI NUOVE - In conformità con l'art. 416 c.p.c. (Cassazione Sezione Lavoro n. 26308 del 15 dicembre 2014, Pres. Vidiri, Rel. Patti).
(Giudici avvocati e processi)

Nel rito del lavoro, il divieto di nova in appello, ai sensi dell'art. 437 c.p.c., non riguarda soltanto le domande e le eccezioni in senso stretto, ma è esteso alle contestazioni nuove, cioè non esplicitate in primo grado, sia per...
15/12/2014 | 8785 Visite

88. IL RIGETTO DA PARTE DEL GIUDICE DEL MERITO DELL'ISTANZA DI ESIBIZIONE DI DOCUMENTI E' CENSURABILE IN CASSAZIONE - Per omessa motivazione (Cassazione Sezione Lavoro n. 26234 del 12 dicembre 2014, Pres. Roselli, Rel. Doronzo).
(Giudici avvocati e processi)

Qualora con il ricorso per cassazione siano denunciati la mancata ammissione di mezzi istruttori e vizi della sentenza derivanti dal rifiuto del giudice di merito di dare ingresso a mezzi istruttori ritualmente richiesti, il ricorrente ha l'one...
12/12/2014 | 7377 Visite

89. LE DICHIARAZIONI SCRITTE RILASCIATE ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DA COLLEGHI DEL DIPENDENTE LICENZIATO NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE COME PROVA DELLA SUA RESPONSABILITA' - Se non vengono confermate davanti al giudice (Cassazione Sezione Lavoro n. 26113 dell'11 dicembre 2014, Pres. Stile, Rel. De Renzis).
(Giudici avvocati e processi)

Gino M. dipendente del Ministero dell'Università e Ricerca è stato licenziato con l'addebito di gravi infrazioni disciplinari. Nel giudizio che ne è seguito davanti al Tribunale di Venezia, l'Amministrazione ha addotto a pro...
11/12/2014 | 6746 Visite

90. AL DIRITTO DI DIFESA DEVE RICONOSCERSI PREVALENZA RISPETTO ALLE EVENTUALI ESIGENZE DI RISERVATEZZA DEL DATORE DI LAVORO - Consentita la produzione di documenti aziendali in giudizio (Cassazione Sezione Lavoro n. 25682 del 4 dicembre 2014, Pres. Roselli, Rel. Manna).
(Giudici avvocati e processi)

Il lavoratore che produca in una controversia di lavoro copia di atti aziendali riguardanti direttamente la propria posizione lavorativa non viene meno ai doveri di fedeltà di cui all'art. 2105 c.c.; infatti , da un lato la corretta appl...
04/12/2014 | 7217 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca