Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri arrow GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 11 - 20 di 740
Ordina per
Mostra # risultati



11. IL GIUDICE NON PUO' DECIDERE LA LITE IN BASE A UNA QUESTIONE RILEVATA D'UFFICIO SENZA AVERLA PREVIAMENTE SOTTOPOSTA ALLE PARTI - Art. 101 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 10353 del 19 maggio 2016, Pres. Mammone, Rel. Manna).
(Giudici avvocati e processi)

Il principio del contraddittorio, gi├á sancito dall'art. 101 c.p.c., ├Ę stato ulteriormente rafforzato dall'introduzione nello stesso articolo di un co. 2┬░ (ad opera della legge 18.6.09 n. 69, di riforma del processo civile), che...
19/05/2016 | 5886 Visite

12. IL GIUDICE DEVE VALUTARE LE PROVE SECONDO PRUDENTE APPREZZAMENTO - In base all'art. 116 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Lavoro n. 10058 del 17 maggio 2016, Pres. Nobile, Rel. Spena).
(Giudici avvocati e processi)

Poich├ę l'art. 116 cod. proc. civ. prescrive come regola di valutazione delle prove quella secondo cui il giudice deve valutarle secondo prudente apprezzamento, a meno che la legge non disponga altrimenti, la sua violazione e, quindi, la d...
17/05/2016 | 6510 Visite

13. IN CASSAZIONE NON E' DATO CENSURARE L'INTERPRETAZIONE DEI CONTRATTI COLLETTIVI SENZA RIPORTARE NEL RICORSO LE NORME CONSIDERATE - Va inoltre depositato il testo integrale del documento (Cassazione Sezione Lavoro n. 10015 del 16 maggio 2016, Pres. Nobile, Rel. Lorito).
(Giudici avvocati e processi)

L'onere di depositare i contratti e gli accordi collettivi su cui il ricorso si fonda - imposto, a pena di improcedibilità, dall'art. 369, secondo comma, n. 4, cod. proc. civ., nella nuova formulazione di cui al d.lgs. 2 febbraio 2006 n. ...
16/05/2016 | 6853 Visite

14. UN NUOVO MEZZO ISTRUTTORIO E' AMMISSIBILE IN GRADO DI APPELLO SOLO SE INDISPENSABILE - Contributo decisivo (Cassazione Sezione Lavoro n. 8568 del 29 aprile 2016 Pres. Nobile, Rel. Lorito).
(Giudici avvocati e processi)

Un nuovo mezzo istruttorio ├Ę ammissibile in grado di appello solo se indispensabile ovvero quando appaia idoneo, per lo spessore contenutistico che lo connota, a sovvertire il verdetto di primo grado, nel senso di mutare il contenuto di u...
29/04/2016 | 6094 Visite

15. IL GIUDICE RICHIESTO DI RICONOSCERE LA QUALIFICA DI REDATTORE ORDINARIO PUO' ATTRIBUIRE QUELLA DI COLLABORATORE FISSO - Qualificazione giuridica del rapporto (Cassazione Sezione Lavoro n. 8189 del 22 aprile 2016, Pres. Bronzini, Rel. Negri Della Torre).
(Giudici avvocati e processi)

In materia di lavoro giornalistico non incorre nella violazione del principio di corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato il giudice di merito che, investito della domanda di riconoscimento della qualifica di redattore ordinario, pervenga ...
22/04/2016 | 6093 Visite

16. IN CASSAZIONE IL RICORSO INCIDENTALE E' PRECLUSO ALLA PARTE TOTALMENTE VITTORIOSA IN APPELLO - Per difetto di interesse (Cassazione Sezione Lavoro n. 8069 del 21 aprile 2016, Pres. Venuti, Rel. Manna).
(Giudici avvocati e processi)

In Cassazione il ricorso incidentale ├Ę precluso - per difetto di interesse ex art. 100 c.p.c. - alla parte totalmente vittoriosa nel precedente grado. Invero, pur se qualificato come condizionato, il ricorso incidentale per cassazione pre...
21/04/2016 | 6199 Visite

17. LA SENTENZA PENALE DI ASSOLUZIONE DERIVANTE DA DUBBIO NON HA EFFETTO VINCOLANTE NEL GIUDIZIO CIVILE - Artt. 652, 654 cod. proc. pen. (Cassazione Sezione Lavoro n. 7686 del 18 aprile 2016, Pres. Macioce, Rel. Balestrieri).
(Giudici avvocati e processi)

Seppure ├Ę vero che in tema di rapporto tra giudizio penale e giudizio civile - come disciplinato dal vigente codice di procedura penale del 1988 (ai sensi degli artt. 652 e 654), a differenza di quello previgente (art. 25) - l'azione civi...
18/04/2016 | 6856 Visite

18. I COMPENSI PERCEPITI DAL LICENZIATO LAVORANDO PRESSO TERZI DURANTE IL GIUDIZIO DI IMPUGNAZIONE NON VANNO DEDOTTI DAL RISARCIMENTO DEL DANNO LIQUIDATO CON LA SENTENZA - Se si tratta di attività compatibili con il rapporto interrotto (Cassazione Sezione Lavoro n. 7685 del 18 aprile 2016, Pres. Macioce, Rel. Balestrieri).
(Giudici avvocati e processi)

Il principio della "compensatio lucri cum damno" trova applicazione solo quando il lucro sia conseguenza immediata e diretta dello stesso fatto illecito che ha prodotto il danno, non potendo il lucro compensarsi con il danno se trae la...
18/04/2016 | 6551 Visite

19. NEL PROCESSO DEL LAVORO LA TARDIVITA' DI DOMANDE ED ECCEZIONI NON PUO' ESSERE SANATA - Con l'accettazione del contraddittorio (Cassazione Sezione Lavoro n. 7684 del 18 aprile 2016, Pres. Macioce, Rel. Torrice).
(Giudici avvocati e processi)

Nel rito del lavoro le disposizioni dell'art. 414 c.p.c. (circa l'onere dell'attore di esporre nel ricorso introduttivo i fatti e gli elementi di diritto su cui di fonda la domanda) e dell'art. 416 (circa l'onere del convenuto di indicare, con ...
18/04/2016 | 6000 Visite

20. L'ESISTENZA DI UN GIUDICATO E' RILEVABILE D'UFFICIO - Esso compre il dedotto e il deducibile (Cassazione Sezione Lavoro n. 7562 del 15 aprile 2016, Pres. Nobile, Rel. Tria).
(Giudici avvocati e processi)

Il giudicato, interno o esterno, copre il dedotto e il deducibile in relazione al medesimo oggetto, e cio├Ę non soltanto le ragioni giuridiche e di fatto esercitate in giudizio, ma anche tutte le possibili questioni, proponibili sia in vi...
15/04/2016 | 6581 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca