Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri arrow FAMIGLIA


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 21 - 30 di 170
Ordina per
Mostra # risultati



21. IN CASO DI SEPARAZIONE LA PROLE HA DIRITTO AD UN MANTENIMENTO TALE DA GARANTIRE UN TENORE DI VITA ANALOGO A QUELLO PRECEDENTE - In base all'art. 147 cod. civ. (Cassazione Sezione Prima Civile n. 11538 del 19 maggio 2009, Pres. Vitrone, Rel. Giancola).
(Archivi/Famiglia)

Il contributo a carico del coniuge separato per il mantenimento dei figli minorenni affidati all'altro coniuge deve essere determinato considerando le esigenze della prole in rapporto al tenore di vita goduto in costanza di convivenza con entrambi ...
19/05/2009 | 6187 Visite

22. SPETTA AL MEDICO DECIDERE IL NUMERO DI EMBRIONI DA IMPIANTARE PER LA PROCREAZIONE ASSISTITA - La limitazione a tre è contraria alla Costituzione (Corte Costituzionale, sentenza n. 151 dell'8 maggio 2009, Pres. Amirante, Red. Finocchiaro).
(Archivi/Famiglia)

La Corte Costituzionale (sentenza n. 151 dell'8 maggio 2009, Pres. Amirante, Red. Finocchiaro) ha ritenuto fondate le questioni di legittimità costituzionale dell'art. 14 commi 2 e 3 della legge 19 febbraio 2004 n. 40 (norme in materia di pr...
08/05/2009 | 6939 Visite

23. IL RIFIUTO DI SOTTOPORSI AD ACCERTAMENTI EMATOLOGICI PUO' COSTITUIRE PROVA SUFFICIENTE AI FINI DELL'ACCERTAMENTO DELLA PATERNITA' NATURALE - In base all'art. 116 cod. proc. civ. (Cassazione Sezione Prima Civile n. 10585 dell'8 maggio 2009, Pres. Luccioli, Rel. Schirò).
(Archivi/Famiglia)

Nei giudizi aventi ad oggetto la dichiarazione di paternità naturale, anche il rifiuto aprioristico o ingiustificato della parte di sottoporsi ad esami ematologici rientra tra gli argomenti di prova idonei a fondare il convincimento del giud...
08/05/2009 | 5985 Visite

24. L'AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO OFFRE UNO STRUMENTO DI ASSISTENZA CHE LIMITA IL SACRIFICIO DELLA CAPACITA' DI AGIRE - In base all'art. 3 della legge 9 gennaio 2004 n. 6 (Cassazione Sezione Prima Civile n. 9628 del 22 aprile 2009, Pres. Luccioli, Rel. Panzani).
(Archivi/Famiglia)

L'introduzione nel nostro ordinamento dell'amministrazione di sostegno ha comportato il superamento della rigida alternativa capacità/incapacità, che ha tradizionalmente contraddistinto l'atteggiamento del legislatore al cospetto dell...
22/04/2009 | 5845 Visite

25. LA PENSIONE DI REVERSIBILITA' SPETTA ANCHE AL CONIUGE SEPARATO PER COLPA O CON ADDEBITO - Dopo la sentenza della Corte Costituzionale n. 286 del 1987 (Cassazione Sezione Lavoro n. 4555 del 25 febbraio 2009, Pres. Roselli, Rel. De Renzis).
(Archivi/Famiglia)

La pensione di reversibilità spetta al coniuge superstite separato per colpa o con addebito anche nell'ipotesi che il coniuge defunto non fosse tenuto al mantenimento o alla corresponsione di un assegno alimentare. La Corte Costituzionale, c...
25/02/2009 | 8610 Visite

26. NON E' CONTRARIA ALL'ORDINE PUBBLICO LA DICHIARAZIONE DI NULLITA' DEL MATRIMONIO CONCORDATARIO PER ESCLUSIONE DEL "BONUM PROLIS" - Anche se, per il codice civile, la procreazione non rientra fra i doveri dei coniugi (Cassazione Sezione Prima Civile n. 814 del 15 gennaio 2009, Pres. Luccioli, Rel. Fioretti).
(Archivi/Famiglia)

Non è in contrasto con l'ordine pubblico ed è pertanto efficace nella Repubblica Italiana una sentenza del Tribunale Ecclesiastico che abbia dichiarato la nullità del matrimonio concordatario per esclusione del "bonum prolis" (...
15/01/2009 | 5629 Visite

27. LA SITUAZIONE DI ABBANDONO DEL MINORE CHE DERIVI DA CAUSA DI FORZA MAGGIORE DI CARATTERE NON TRANSITORIO COMPORTA LA DICHIARAZIONE DELLO STATO DI ADOTTABILITA' - In base all'art. 8 della legge n. 184/83 (Cassazione Sezione Prima Civile n. 29118 dell'11 dicembre 2008, Pres. Luccioli, Rel. Panzani).
(Archivi/Famiglia)

L'art. 1 della legge 4 maggio 1983, n. 184 (nel testo sostituito dalla legge 28 marzo 2001, n. 149) attribuisce carattere prioritario all'esigenza del minore di crescere nella famiglia di origine, esigenza della quale è consentito il sacrifi...
11/12/2008 | 6431 Visite

28. IL DIRITTO ALL'ASSEGNO DIVORZILE PERMANE NEL CASO CHE IL TITOLARE INSTAURI UNA CONVINVENZA MORE UXORIO - A meno che da questa derivi un beneficio economico (Cassazione Sezione Prima Civile n. 23689 del 15 settembre 2008, Pres. Luccioli, Rel. Fittipaldi).
(Archivi/Famiglia)

In assenza di un nuovo matrimonio, il diritto all'assegno di divorzio, in linea di principio, di per sé permane, anche se il suo titolare instauri una convivenza more uxorio con altra persona, salvo che sia data la prova che tale convivenza ...
15/09/2008 | 6607 Visite

29. IL PRESUPPOSTO PER L'ATTRIBUZIONE DELL'ASSEGNO DI DIVORZIO E' COSTITUITO DALL'INADEGUATEZZA DEI MEZZI DEL CONIUGE RICHIEDENTE - Non è necessario lo stato di bisogno (Cassazione Sezione Prima Civile n. 23549 del 12 settembre 2008, Pres. Luccioli, Rel. Petitti).
(Archivi/Famiglia)

L'accertamento del diritto all'assegno divorzile (di carattere esclusivamente assistenziale) va effettuato verificando l'inadeguatezza dei mezzi (o l'impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive) del coniuge richiedente, raffrontate a...
12/09/2008 | 6324 Visite

30. LA KAFALAH DI DIRITTO MUSULMANO E' EQUIPARABILE ALL'AFFIDAMENTO - Ai fini del ricongiungimento del minore alla famiglia immigrata in Italia (Cassazione Sezione Prima Civile n. 19734 del 17 luglio 2008, Pres. Vitrone, Rel. Morelli).
(Archivi/Famiglia)

Moutchou M. e sua moglie, cittadini marocchini residenti in Italia, hanno chiesto al Consolato italiano in Casablanca il rilascio del visto, per l'ingresso in Italia al minore Hazem E. loro affidato in custodia Kafalah dal Tribunale di Casablanca, ...
17/07/2008 | 6530 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca