Restringi Allarga Aumenta carattere Diminuisci carattere Caratteri normali
Ricerca per filtri
Effettua la tua ricerca in base ai filtri che preferisci. Scegli la sezione, la categoria, l'anno di pubblicazione e filtra per una chiave a tua scelta. Se i risultati sono ancora troppi, potrai filtrare la ricerca per una ulteriore chiave.



Per utilizzare i motori di ricerca presenti su sito Ť necessario procedere alla registrazione.



ATTUALITA', OPINIONI E COMMENTI
DOCUMENTI
FAMIGLIA
GIUDICI, AVVOCATI E PROCESSI
INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
LAVORO
Fatto e diritto, Il lavoro nel mondo, In flash
STUDI E CONVEGNI
 


Seleziona l'anno di pubblicazione

Filtra risultati per:

Risultati 201 - 210 di 5509
Ordina per
Mostra # risultati



201. L'IMMEDIATEZZA DELLA COMUNICAZIONE DEL LICENZIAMENTO E' ELEMENTO COSTITUTIVO DEL RECESSO - Art. 2119 c.c. (Cassazione Sezione Lavoro n. 9680 dell'11 maggio 2016, Pres. Napoletano, Rel. Tria).
(Lavoro/In flash)

L'immediatezza della comunicazione del licenziamento si configura quale elemento costitutivo del diritto al recesso del datore di lavoro ex art. 2119 c.c., in quanto la non immediatezza della contestazione o del provvedimento espulsivo induce r...
11/05/2016 | 5031 Visite

202. E' SOGGETTO ALL'IRAP IL CONTRIBUENTE CHE ABBIA UN'AUTONOMA ORGANIZZAZIONE - Che superi la soglia dell'impiego di un segretario (Cassazione Sezioni Unite Civili n. 9451 del 10 maggio 2016, Pres. Cicala, Rel. Greco).
(Lavoro/In flash)

Con riguardo al presupposto dell'IRAP, il requisito dell'autonoma organizzazione - previsto dall'art. 2 del d.lgs. 15 settembre 1997, n. 446 - il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimit&agrav...
10/05/2016 | 4589 Visite

203. LE SANZIONI PER L'ABUSO DELLA COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA - Fattispecie differenti (Cassazione Sezione Lavoro n. 9471 del 10 maggio 2016, Pres. Amoroso, Rel. Cavallaro).
(Lavoro/In flash)

L'abuso della figura della collaborazione coordinata e continuativa ha indotto il legislatore a introdurre con gli artt. 61-69 d.lgs. n. 276/2003 (abrogati dall'art. 52 D.Lgs. n. 81/2015), un apparato sanzionatorio previsto dall'art. 68 il quale...
10/05/2016 | 5332 Visite

204. IL DEMANSIONAMENTO DIRETTO AD EVITARE IL LICENZIAMENTO E' POSSIBILE PURCHE' VI SIA UNA CERTA OMOGENEITA' CON I COMPITI SVOLTI IN PRECEDENZA DAL LAVORATORE - Onere della prova (Cassazione Sezione Lavoro n. 9467 del 10 maggio 2016, Pres. Amoroso, Rel. D'Antonio).
(Lavoro/Fatto e diritto)

Antonietta D. dipendente dell'Albergo Nuovo Rebecchino con mansioni di impiegata amministrativa, è stata licenziata per ragioni organizzative riferite alla soppressione del suo posto di lavoro e all'impossibilità di impiegarla con ...
10/05/2016 | 5968 Visite

205. L'APPALTO ENDOAZIENDALE PUO' COMPORTARE L'INSTAURAZIONE DI UN RAPPORTO DI LAVORO TRA IL COMMITTENTE E I DIPENDENTI DELL'APPALTATORE - Organizzazione e controllo (Cassazione Sezione Lavoro n. 9288 del 9 maggio 2016 Pres. Napoletano, Rel. Berrino).
(Lavoro/Fatto e diritto)

Con sentenza del 17/10-19/12/12, la Corte d'Appello di Torino ha rigettato l'impugnazione proposta dalla società Rai Radiotelevisione Italiana s.p.a. avverso la sentenza del giudice del lavoro del Tribunale della stessa sede che aveva dic...
09/05/2016 | 7188 Visite

206. CUMULABILITA' DELLE REITERATE ASSEGNAZIONI A MANSIONI SUPERIORI - Programmazione iniziale e intento utilitaristico (Cassazione Sezione Lavoro n. 9303 del 9 maggio 2016, Pres. Napoletano, Rel. Spena).
(Lavoro/In flash)

Per la sussistenza della frequenza e sistematicità di reiterate assegnazioni di un lavoratore allo svolgimento di mansioni superiori il cui cumulo sia utile all'acquisizione del diritto alla promozione automatica in forza dell'art. 2103 c...
09/05/2016 | 5151 Visite

207. IL DIRIGENTE MEDICO HA DIRITTO AD ESSERE RETRIBUITO E INDENNIZZATO PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA DISPONIBILITA' IN MISURA SUPERIORE A QUELLA PREVISTA DAL CONTRATTO COLLETTIVO - Dovuto ristoro (Cassazione Sezione Lavoro n. 9302 del 9 maggio 2016, Pres. Nobile, Rel. Tricomi).
(Lavoro/Fatto e diritto)

Vincenzo F. dipendente della ASL di Latina come dirigente medico di primo livello ha promosso, davanti al Tribunale di Latina, un giudizio diretto ad ottenere maggiorazioni retributive e risarcimento del danno per avere svolto prestazioni di pro...
09/05/2016 | 6500 Visite

208. NON ESISTE UN DIVIETO ASSOLUTO DI MONETIZZAZIONE DELLE FERIE - Nel pubblico impiego (Corte Costituzionale sentenza n. 95 del 6 maggio 2016,Pres. Lattanzi, Red. Sciarra).
(Lavoro/Fatto e diritto)

S.F. dirigente medico √® stato collocato a riposo dall'Azienda USL Roma E il 1¬į febbraio 2013. Al momento della cessazione del rapporto, a causa di varie malattie, aveva cumulato un arretrato di ferie non godute di 222 giorni. La USL h...
06/05/2016 | 7158 Visite

209. L'ACCERTAMENTO TRIBUTARIO MEDIANTE STUDIO DI SETTORE DEVE AVVENIRE IN CONTRADDITTORIO CON IL CONTRIBUENTE - Onere della prova (Cassazione Sezione Lavoro n. 9207 del 6 maggio 2016 Pres. Di Iasi, Rel. Iannello).
(Lavoro/In flash)

La procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è ex lege determinat...
06/05/2016 | 5094 Visite

210. COMMETTE ABUSO DI DIRITTO CHI UTILIZZA I PERMESSI EX L. N. 104/1992 PER SCOPI DIVERSI DALL'ASSISTENZA AL FAMILIARE INVALIDO - Sviamento (Cassazione Sezione Lavoro n. 9217 del 6 maggio 2016 Pres. Amoroso, Rel. Bronzini).
(Lavoro/In flash)

Il comportamento del prestatore di lavoro subordinato che, in relazione al permesso ex art. 33 L. n. 104/1992, si avvalga dello stesso non per l'assistenza al familiare, bensì per attendere ad altra attività, integra l'ipotesi del...
06/05/2016 | 5296 Visite

  
Top

Area utenti






Password dimenticata?

Ricerca